Bimbo lasciato in Chiesa a Bari, Don Vito (Caritas): “Tanti non ce la fanno, ma provano vergogna”

Don Vito Piccinonna responsabile della Caritas diocesana di Bari e Bitonto commenta quanto accaduto in città, dove un neonato è stato lasciato dai genitori nella culla termica vicina alla chiesa di San Giovanni Battista
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BARI – “Quanto accaduto stamattina fa venire a galla un bisogno sommerso che ci deve far riflettere su due aspetti. Uno riguarda la necessità che come comunità abbiamo di insegnare a saper chiedere aiuto. L’altro riguarda il nostro compito a prestare attenzione a ciò che ci circonda. Serve da parte di tutti un sussulto di solidarietà alla vita”. Così, alla Dire, don Vito Piccinonna responsabile della Caritas diocesana di Bari e Bitonto commenta quanto accaduto in città stamattina dove un neonato è stato lasciato dai genitori nella culla termica vicina alla chiesa di San Giovanni Battista nel quartiere Poggiofranco.

LEGGI ANCHE: “Non possiamo crescerlo”: a Bari bimbo abbandonato in Chiesa

“Prima di impressionarci sui motivi che hanno spinto i genitori del neonato a fare questa scelta dobbiamo pensare che ci sono tante famiglie che fanno fatica ad andare avanti ma che provano vergogna a raccontare i loro dolori– aggiunge- la crisi provocata dal coronavirus è stata sanitaria, economica, sociale ma anche psicologica e riveste di paura gesti ordinari. Le domande che ci poniamo sul futuro sono da sempre fragili ma adesso questa fragilità è accresciuta dal timore per ciò che verrà”.

La diocesi di Bari e Bitonto è composta da 700mila persone, “in media 15mila sono state seguite dai centri Caritas parrocchiali e diocesano. La pandemia ha fatto registrare un aumento di 8400 unità. Si tratta di gente che ha avuto il coraggio di bussare ai nostri centri ma che in molti casi ha provato imbarazzo”, racconta don Vito che è anche responsabile del santuario dei Santi Medici a Bitonto ed è tra i promotori del “Telefono amico”, attivato durante il lockdown.

“Parlare attraverso un apparecchio telefonico – dice – ha permesso a tanti di sfogarsi e di raccontare quale situazione stavano vivendo. Serve immediatezza ed eliminare pastoie burocratiche in cui le vite spesso rimangono incastrate con conseguenze terribili: penso all’usura e a chi approfitta della debolezza economica del momento”.

LEGGI ANCHE: Dalla ruota degli esposti alla culla termica, la tecnologia accoglie i neonati

“La culla termica è stata una intuizione di don Antonio che mi ha preceduto alla guida della Caritas diocesana. Quella culla spiega la sua intuizione nel saper leggere la realtà in cui ha vissuto”, evidenzia il parroco convinto che il ritrovamento del piccolo stamattina sia “una grazia per Bari che così ha potuto dare un segno di speranza, di vita. Perché al netto delle tribolazioni che i genitori del neonato stanno magari vivendo in queste ore, un lato positivo c’è: una vita è stata affidata e salvata. Ecco perché diventa fondamentale imparare a saper chiedere aiuto”, conclude don Vito.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»