Autonomia, passa la linea del M5S: salta l’assunzione diretta dei docenti

Giuliano (M5S): "E' una vittoria dei 5 stelle e da uomo di scuola ritengo di poter dire che è una vittoria della scuola italiana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A quanto si apprende al tavolo delle autonomie e’ stato soppresso l’articolo 12 del testo Stefani che prevedeva l’assunzione diretta dei docenti su base regionale, come chiedeva la Lega. La riunione è durata meno di un’ora.

Era uno dei nodi sul tavolo che aveva visto la contrarietà del M5s. Era stato rilevato anche un profilo di incostituzionalità all’ultimo vertice evidenziando una Sentenza della Corte Costituzionale 76/2013 (redatta allora da Sergio Mattarella). In base al nuovo testo il personale è escluso dalla regionalizzazione , non ne viene toccato in nessun modo. Il sistema di istruzione rimane unitario. Nessun trasferimento di risorse dallo stato alle regioni con riferimento all’istruzione.

AUTONOMIA. GIULIANO: VITTORIA DEL M5S E DELLA SCUOLA ITALIANA

“L’articolo 12 è stato soppresso: è una vittoria dei 5 stelle e da uomo di scuola ritengo di poter dire che è una vittoria della scuola italiana”. Così il sottosegretario all’Istruzione, Salvatore Giuliano (M5s), a margine Palazzo Chigi al termine del vertice sull’autonomia, commentando l’abolizione della norma che prevedeva l’assunzione diretta dei docenti su base regionale come chiedeva la Lega.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»