Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Borsellino, Bonafede: “Su strage via D’Amelio lo Stato chiede scusa”

"Dopo 26 anni non sappiamo ancora la verità" dice il ministro della Giustizia e questo impone delle scuse
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sulla strage di via D’Amelio, lo Stato chiede scusa ma continua, senza sosta, a lottare per la verità“. Lo scrive su facebook Alfonso Bonafede, ministro della giustizia.

“Le palesi negligenze di coloro che non riuscirono a proteggere Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta- aggiunge-, tutte le ombre che stanno emergendo nelle varie indagini e nei processi, il fatto stesso che dopo 26 anni non sappiamo ancora la verità, sono tutti elementi gravissimi che impongono allo Stato di chiedere SCUSA ai familiari di Paolo Borsellino e degli agenti della scorta e a tutto il popolo italiano. La ferita, a distanza di 26 anni, ancora sanguina”.

Ma, al tempo stesso, prosegue, “lo Stato deve essere fiero e orgoglioso dell’impegno di magistrati, delle forze dell’ordine, delle associazioni e di tutti quei cittadini che hanno lottato e si sono battuti per la ricerca della verità. Non è ancora finita; siamo chiamati ancora a lottare, nello spirito e nella memoria dei servitori dello Stato morti 26 anni fa: come diceva Calamandrei, a proposito dei morti per la resistenza, ‘dipende da noi farli vivere o farli morire per sempre'”.

Leggi anche: Borsellino, Mattarella: “Non smettere di cercare verita’ su strage”

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»