Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafia, Renzi a Salvini: “Non strumentalizzare i carabinieri su Casamonica”

"Li ha mandati lo stato dopo l'indagine condotta per anni, non tu"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No, ministro, non li hai mandati tu!  Li ha mandati lo Stato Italiano, dopo una indagine condotta per anni dagli inquirenti. Non strumentalizzare anche i Carabinieri! Onore all’Arma e alle Forze dell’Ordine, che sono di tutti. Perche’ i ministri passano, le istituzioni restano”. Matteo Renzi polemizza cosi’ su Twitter con il ministro dell’Interno Matto Salvini che ieri in un altro tweet ha scritto “‘Chi vi ha mandato? Salvini?’. Cosi’ avrebbe detto ai Carabinieri uno degli appartenenti al clan dei Casamonica durante gli arresti di questa mattina”. Prosegue Renzi, stavolta su Facebook: “Ci sono delle regole elementari in una democrazia. Non strumentalizzare l’Arma dei Carabinieri, per esempio. Rispettare il lavoro e le sentenze della magistratura. Non mettere il cappello sul lavoro che fanno le Forze dell’Ordine che sono di tutti, perche’ i ministri passano e le istituzioni restano. Questi principi sono l’ABC del gioco democratico. Spiace doverli ricordare a chi oggi fa il ministro dell’Interno. Ma proprio perche’ quel signore siede al Viminale ed e’ il custode della sicurezza di tutti, certi scivoloni vanno evidenziati con forza. Onore all’Arma dei Carabinieri e alle Forze dell’Ordine, no alle squallide strumentalizzazioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»