Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Incendi, Curcio: 955 richieste di intervento nel 2017, è record decennio

Il 2017 si sta rivelando un anno record anche rispetto a 2007 e 2012, che furono anni particolarmente complicati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono state 955 le richieste d’intervento per spegnere incendi in Italia nel 2017, un numero talmente alto da renderlo “il valore più alto degli ultimi dieci anni. Un 2017 record anche rispetto al 2007 e al 2012, anni particolarmente complicati”. A rendere più difficile la situazione “c’è anche la tipologia d’intervento: in tutto sono state eseguite 4803 ore di volo, e pure questo è un record“. Così il Capo della Protezione civile Fabrizio Curcio, in audizione in Commissione Ambiente del Senato.

ERRORE ‘ESTINZIONE’ FORESTALE? MEGLIO RAGIONARCI A MENTE FREDDA

“Se è stato un danno aver accorpato il Corpo Forestale dello Stato all’Arma dei Carabinieri? Come ogni riforma, anche questa ha i suoi tempi di attuazione, bisognerà ragionarci a mente fredda, dunque sconsiglio di fare analisi con un’emergenza in corso”. Risponde così Curcio, a margine dell’audizione in Commissione Ambiente del Senato, a chi gli chiede se la riforma Madia sull’accorpamento del Corpo Forestale ha portato ad un peggioramento della sicurezza sul fronte incendi. “Tanto i numeri sono questi- ripete Curcio- e su questi lavoreremo. Come ogni buona riforma ci sarà eventualmente un momento di riflessione e verifica“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»