Netflix, disponibili le compilation grazie a Flixtape

ROMA - It's like a mixtape, but for Netflix.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

flixtapeROMA – It’s like a mixtape, but for Netflix. E’ questo lo slogan che, la piattaforma ha scelto di utilizzare per il lancio di una sua nuova funzione, Flixtape. Un modo nuovo di costruirsi una propria playlist di film e serie Tv.

Flixtape, come funziona

Al momento la nuova funzione di Netflix è disponibile solo in lingua inglese. Questo il primo passo dopo le diverse fasi di test ma, presto, le disponibilità saranno incrementate. Gli abbonati alla ‘Tv’ devono, per usufruire della funzione Flixtape, collegarsi al sito dedicato e lasciare andare la propria fantasia. Basta scrivere i titoli delle serie e/o dei film preferiti e il gioco è fatto. Sarà il sistema a creare per noi la playlist. Un montaggio da regalarsi e regalare agli amici per condividere gusti e passioni sul mondo di ‘celluloide’.

Flixtape e la playlist è servita

Il video montaggio può essere, quindi, liberamente divulgato via sms, email o social network. Ciò vuol dire che può essere anche condiviso senza problemi su Facebook o Twitter. L’unico limite da osservare è quello delle preferenze. I film o le serie tv scelte non possono essere superiori a sei. Il sistema che mette a disposizione Netflix è già nella sfera dell’intelligenza artificiale. Un esempio: se digitiamo la parola ‘love’, ad esempio, sarà creata una playlist di film e serie tv ‘rosa’. Con ‘cake’ il montaggio includerà i programmi di cucina. Gli esempi sono infiniti, non resta che provare e divertirsi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»