Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

In Costa d’Avorio è boom demografico grazie ai progressi della sanità VIDEO

ROMA - La crescita demografica in Africa e' anzitutto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GravidanzaROMA – La crescita demografica in Africa e’ anzitutto il risultato di successi sul piano sanitario che hanno consentito un forte allungamento dell’aspettativa di vita: lo spiega alla DIRE l’ambasciatrice in Italia Janine Tagliante-Saracino, commentando gli ultimi dati dell’Onu.

“La crescita demografica e’ il risultato di tutti gli sforzi fatti sul piano della sanita’ e della prevenzione per permettere alla popolazione africana di crescere nel suo insieme” sottolinea la diplomatica: “A contribuire sono stati anche i programmi di pianificazione familiare che garantiscono una salute migliore delle donne, nonche’ un miglioramento della produttivita’ dell’agricoltura”.


Secondo Tagliante-Saracino, “la crescita demografica e’ un elemento positivo perche’ mette a disposizione piu’ braccia per lo sviluppo e crea nuovi mercati”. Stando ai dati diffusi dal dipartimento dell’Onu per gli Affari economici e sociali, entro il 2050 la popolazione africana raggiungera’ quota due miliardi e mezzo. In un secolo l’aspettativa di vita nel continente e’ cresciuta da 24 a 52 anni e ai ritmi di progresso attuali entro il 2050 potrebbe essere superata la soglia dei 60.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»