Oltre mille migranti salvati dalla Marina militare

ROMA - Sono in corso, già dalle prime luci dell’alba di oggi, numerosi soccorsi su imbarcazioni provenienti dalle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono in corso, già dalle prime luci dell’alba di oggi, numerosi soccorsi su imbarcazioni provenienti dalle coste nord orientali libiche.

LE OPERAZIONI DI SALVATAGGIO

Tre le Unità Navali della Marina Militare impegnate nei soccorsi su numerosi natanti in precarie condizioni di galleggiabilità: il pattugliatore Borsini, la fregata Grecale e l’unità classe Fremm Margottini, operanti nel dispositivo di sicurezza aeronavale “Mare Sicuro”.

Nave Borsini sta prestando soccorso ad un barcone con circa 400 migranti a bordo e ad un gommone con circa 120 migranti a bordo. Nave Grecale ha appena terminato il soccorso su un gommone con 120 migrati a bordo. Nave Margottini ha dichiarato SAR su quattro gommoni per un totale di circa 450 migranti e sta procedendo al soccorso. Sono in corso altri interventi delle unità navali del dispositivo Eunavfor Med. L’operazione nazionale ‘Mare sicuro’ è stata avviata il 12 marzo 2015 a seguito dell’aggravarsi della crisi libica che ha reso necessario un potenziamento del Dispositivo Aeronavale della M.M. dispiegato nel Mediterraneo Centrale – al fine di tutelare gli interessi nazionali nell’area ed assicurare adeguati livelli di sicurezza marittima.

LEGGI ANCHE

Migranti in mare, dallo Spazio un aiuto per salvarli

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»