hamburger menu

Calcio, la Juventus Academy World cup 2022 fa tappa in Valle d’Aosta

AOSTA – Per la prima volta, la Juventus Academy World Cup – il torneo di calcio giovanile organizzato dalla Juventus Academy e giunto alla sua terza edizione – ha fatto tappa anche in Valle d’Aosta. L’evento, inaugurato con una cerimonia all’Allianz Stadium di Torino, ha visto per tre giorni oltre mille giocatori e giocatrici coinvolti, […]

AOSTA – Per la prima volta, la Juventus Academy World Cup – il torneo di calcio giovanile organizzato dalla Juventus Academy e giunto alla sua terza edizione – ha fatto tappa anche in Valle d’Aosta. L’evento, inaugurato con una cerimonia all’Allianz Stadium di Torino, ha visto per tre giorni oltre mille giocatori e giocatrici coinvolti, che si sono sfidati sui campi valdostani di Aosta, Gressan, Charvensod, Saint-Pierre, Aymavilles, Villeneuve, Roisan, Morgex e Courmayeur. Ventinone le academies, accompagnate da 150 allenatori e 1800 genitori.

A scendere in campo i ragazzi nati dal 2007 al 2012 e le ragazze nate nel 2007 e nel 2008. I baby giocatori provenivano da 22 Paesi differenti (di cui almeno una per ogni Continente), tra cui Tunisia, Egitto, Nigeria, U.A.E., Oman, Arabia Saudita, Cipro, Ungheria, Gran Bretagna, Francia, Polonia, Svizzera, Turchia, Malta, Colombia, Guatemala, Cile, Argentina, Brasile, Australia, Canada e Stati Uniti. Per l’assessore al Turismo della Regione Valle d’Aosta, la Juventus Academy Cup 2022 “oltre a rappresentare un evento sportivo di promozione del calcio giovanile costituisce un importante volano turistico per le sue ricadute in termini di presenze, peraltro in un periodo di ‘bassa stagione’, e racconta la vocazione della nostra regione per i grandi eventi sportivi rivolti a tutte le fasce di età”. E aggiunge: “Oltre ad avere ricadute dirette in termini di presenze turistiche, queste manifestazioni costituiscono anche un’importante occasione per promuovere la Vallée a livello mondiale, trattandosi di delegazioni provenienti da 22 Paesi di tutti i cinque continenti”.

Per questo, “l’arricchimento della proposta di eventi sportivi di alto livello- conclude l’assessore- consolida le basi sulle quali costruire il percorso di candidatura a regione europea dello sport 2023”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-19T11:12:56+02:00