hamburger menu

Protocollo d’intesa Aosta-Gressan-Cogne: progetti per crescere insieme

AOSTA – Progetti comuni nella cultura, nel turismo e in altri settori di rilevanza pubblica. Li vuole sviluppare il Protocollo d’intesa siglato tra i Comuni di Aosta, Cogne e Gressan. Sullo sfondo, la prospettiva di collegare le tre località tramite un impianto a fune: oltre all’Aosta-Pila, il progetto della nuova telecabina Pila-Platta de Grevon ha […]

AOSTA – Progetti comuni nella cultura, nel turismo e in altri settori di rilevanza pubblica. Li vuole sviluppare il Protocollo d’intesa siglato tra i Comuni di Aosta, Cogne e Gressan. Sullo sfondo, la prospettiva di collegare le tre località tramite un impianto a fune: oltre all’Aosta-Pila, il progetto della nuova telecabina Pila-Platta de Grevon ha appena ottenuto il via libera dalla Valutazione dell’impatto ambientale; il sogno è completare il collegamento con la tratta Platta-Cogne.

“Per Cogne, l’obiettivo è di uscire un po’ dal suo isolamento- dice il sindaco Franco Allera- e diventare una delle tre eccellenze della Valle d’Aosta. Siamo tutti consci che gran parte del Pil della Valle nasce dal turismo. Vogliamo un modo di fare turismo diverso, magari non legato all’utilizzo delle auto”. Aosta-Pila-Cogne potrebbe trasformarsi in “un percorso di viaggio che diventa un’esperienza unica”.

Michel Martinet, sindaco di Gressan, ricorda la necessità di “potenziare l’asse turistico della valle centrale”, con la stazione di monte della futura telecabina Pila-Platta de Grevon che dà la possibilità in futuro di collegare anche Cogne”. Il primo cittadino del capoluogo, Gianni Nuti, spiega: “Da oggi si lavora su assi paralleli, tra assessori con le stesse deleghe. Siamo tre amministrazioni che hanno delle peculiarità, che vogliono essere messe in rete. Abbiamo teste pensanti per favorire buone idee. Possiamo, con Cogne e con il Parco nazionale del Gran Paradiso, attivare collaborazioni sotto il profilo della cultura, dello sport, dei trasporti green”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-19T11:11:07+02:00