Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mourinho: “Roma, sono pronto per questa missione impossibile”

José Mourinho
Il nuovo tecnico giallorosso ha parlato all'edizione portoghese di GQ: "Sono stato convinto dalla passione dei Friedkin, mi hanno chiamato subito dopo l'esonero dal Tottenham"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Josè Mourinho è pronto a tuffarsi “in questa missione impossibile“, la Roma lo ha convinto “il giorno stesso in cui fui esonerato dal Tottenham”. Il nuovo tecnico giallorosso ne ha parlato a GQ, edizione portoghese: “Mi hanno contattato il giorno stesso in cui fui esonerato dal Tottenham – ha detto a proposito dell’arrivo nella Capitale – La Roma mi ha voluto fortemente, è stata una cosa istantanea o quasi, la mattina il Tottenham mi ha esonerato e il pomeriggio la Roma mi ha chiamato. Loro mi hanno voluto, mi hanno fatto risentire la passione per il calcio che c’è in Italia e che conosco, specialmente a Roma dove non si vince un trofeo da 20 anni. I Friedkin, i nuovi proprietari con un approccio professionale e umile, mi hanno trasmesso il loro entusiasmo per questo nuovo incredibile capitolo professionale della loro vita, sono stati veramente obiettivi, onesti e sinceri con me, mi hanno fatto sentire la passione per questo lavoro, mi hanno colpito per come si sono approcciati a me”.

LEGGI ANCHE: Con lo Specialone e la sciarpa giallorossa, Mourinho nel murale di Harry Greb

“HO SBAGLIATO AD ACCETTARE MANCHESTER E TOTTENHAM, A ROMA SARÀ DIVERSO”

Mourinho ha poi detto di aver “commesso anche io degli errori e ho sbagliato ad accettare alcuni progetti, a volte mi hanno spinto a scegliere situazioni che non avrei dovuto… Sono andato a Manchester in un momento di transizione, poi al Tottenham che non ha una storia di successi, e ora la Roma con una nuova proprietà, ma in questo caso con la Roma ho percepito subito grande empatia con i Friedkin, con Pinto, hanno ri-stimolato in me il fuoco e la passione per questo lavoro. Ci ho messo pochissimo a dire di sì e ora mi tufferò in questa missione impossibile, che definisco impossibile nel senso che la gente mi considera e mi guarda considerandomi in un solo modo: un vincente”. L’allenatore portoghese ha parlato anche della Superlega: “Ho 58 anni e più di 30 passati nel calcio professionistico, ma sono ancora il ragazzo che giocava davanti casa con le porte fatte con le pietre. Quindi quando qualcuno mi parla di Superlega, preferisco continuare a essere quel ragazzo di strada”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»