Usa, Facebook rimuove triangolo ‘nazi’ di Trump: è simbolo di odio

Il social network spiega la decisione di rimuovere un triangolo postato sulle pagine del presidente Donald Trump e del suo vice Mike Pence
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “No” ai simboli che rappresentano ideologie di odio: così Facebook sulla decisione di rimuovere un triangolo postato sulle pagine del presidente Donald Trump e del suo vice Mike Pence che richiamerebbe quelli impiegati durante il nazismo per additare comunisti e altri oppositori del regime.

“Non permettiamo simboli che rappresentino organizzazioni o ideologie di odio a meno che non siano contestualizzati o condannati” ha detto Nathaniel Gleicher, responsabile delle politiche per la sicurezza del social network.

Il triangolo rosso con punta verso il basso era il simbolo utilizzato nei campi di concentramento nazisti per contrassegnare i prigionieri politici. A seconda della diversa ‘tipologia’ di prigionieri, cambiava il colore: rosa per gli omosessuali, marrone per i rom, viola per i testimoni di Geova, nero per le persone con problemi psichici e blu per gli immigrati. I prigionieri ebrei indossavano invece la stella di David di colore giallo.

Secondo lo United States Holocaust Memorial Museum, i prigionieri politici contrassegnati con il triangolo rosso che persero la vita nei campi di concentramento furono più di un milione e mezzo, pari a circa il 10% delle vittime dell’Olocausto nazista.


triangolo trump

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»