VIDEO| Roma, Anna Giannone inaugura al Margutta Home ‘Il respiro del mare’

Nella sua vita Giannone è anche una attivista per i diritti delle donne: ha infatti contributo alla fondazione del centro antiviolenza di Caltanissetta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La natura come metafora della condizione umana. E’ questo il fil rouge che lega le opere dell’artista siciliana Anna Giannone che oggi, a Roma, ha inaugurato, con un vernissage al Margutta Home, la sua personale ‘Il respiro del mare‘.

“Nelle mie opere- ha sottolineato l’artista- ritraggo la natura e il mare in particolare, come metafora per esprimere i nostri sentimenti, le nostre angosce, le nostre paure, le nostre frustrazioni. I vortici di pesci rappresentano proprio le corse affannose che quotidianamente facciamo, le meduse infestanti danno forma alle nostre ansie, il fatto che ci sentiamo spesso accerchiati. E’ una natura ferita, drammaticamente colpita dagli uomini, ma che ha la forza di reagire e di riprendersi e questo spero sia una metafora per tutti noi per riprendere in mano la nostra vita”. 

Nella sua vita Giannone è anche una attivista per i diritti delle donne: ha infatti contributo alla fondazione del centro antiviolenza di Caltanissetta. Laureata in Economia ha affiancato per anni l’amore per l’arte con gli impegni professionali, prima di decidere di dedicarsi completamente alla pittura.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»