Diari e lettere dal fronte della Prima guerra mondiale, un sito le raccoglie

È online la piattaforma "Upgrading History: viaggio sul fronte con i diari dei soldati della Grande Guerra": il progetto è stato realizzato da un ricercatore dell'Università di Bologna con fondi europei
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il diario di un ufficiale, ma anche i ricordi di sei soldati semplici e le memorie di un’infermiera diventano ‘interattivi’. Da oggi, è online la piattaforma “Upgrading History: viaggio sul fronte con i diari dei soldati della Grande Guerra” che raccoglie attraverso mappe digitali e edizioni standard, le pagine e testimonianze di otto soldati.

La piattaforma nasce dal progetto realizzato da Saverio Vita, ricercatore dell’Università di Bologna grazie al finanziamento del Dipartimento di Filologia Classica e Italianistica dell’Alma Mater, grazie ad una borsa di studio dell’Europeana Foundation, che raccoglie il patrimonio culturale ‘digitale’.

“I diari analizzati- spiega Vita- presentano diversi punti di interesse: a partire dalla diversa posizione sociale e dai differenti ruoli assunti durante la guerra da parte degli autori, è possibile leggere il conflitto mondiale da punti di vista eterogenei”. Di ciascuno degli otto testimoni c’è una lunga presentazione che racconta la loro vita, in italiano e in inglese. Poi è possibile cliccare, su una mappa, per vedere le diverse testimonianze mandate dai diversi luoghi.

Così, le pagine di otto diari di guerra e anche alcune lettere dal fronte scritte dal poeta inglese, Isaac Rosenberg, potranno essere lette in via digitale e mostrano le vicende di chi ha comandato e di chi ha obbedito, di chi ha viaggiato attraverso l’Europa o anche combattuto su più fronti, esprimendo vari gradi di nazionalismo e giudizi diversi sulle sorti della guerra.

Si potrà accedere ai diari in due versioni. C’è ‘Storymaps’ che, ordinando le pagine all’interno di una mappa, ripercorre le diverse tappe toccate dai soldati nel corso della guerra. ‘Evt editions’ invece permette di ‘accedere’ ai ricordi in lingua originale.

(Le immagini sono tutte tratte dalla piattaforma)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»