Imputato per cold case a Bologna si impicca in carcere

Stefano Monti si è suicidato in carcere: la sentenza sarebbe arrivata fra una settimana
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si è ucciso nel carcere della Dozza di Bologna Stefano Monti, imputato in Corte d’Assise per l’omicidio, avvenuto il 5 dicembre del 1999, del buttafuori Valeriano Poli.

Monti, per il quale il pm bolognese Roberto Ceroni aveva chiesto l’ergastolo e nei cui confronti la sentenza sarebbe stata emessa tra una settimana, “si è impiccato, a quanto mi hanno detto dal carcere”, fa sapere il suo legale Roberto D’Errico. L’uomo, che aveva 60 anni, era stato arrestato nel giugno del 2018, a quasi 19 anni dal delitto, e questa mattina si è tolto la vita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»