Maturità, Giardina: “Ok tracce storiche ma non basta, il problema va risolto”

Lo storico Andrea Giardina è l'autore - insieme a Liliana Segre e Andrea Camilleri - del manifesto/appello per la reintroduzione della Storia nella prima prova d'esame
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con l’inserimento degli argomenti storici nelle tracce della prima prova degli esami di maturità, “si è cercato di interpretare il disagio fortissimo contenuto anche nel manifesto che ho scritto e di cui sono firmatari oltre 70 soggetti appartenenti al mondo accademico e non solo. Va apprezzato lo sforzo del ministero, ma il problema resta”. Lo ha detto, all’agenzia Dire, lo storico Andrea Giardina autore – insieme a Liliana Segre e Andrea Camilleri – del manifesto/appello per la reintroduzione della Storia nella prima prova d’esame. “Con queste tracce emerge sicuramente la volontà di apporre dei correttivi – dato che probabilmente il Miur si è reso conto dell’errore – ma è necessario che dal prossimo anno si metta mano concretamente alla questione dando un’autonomia alla Storia nell’esame di Stato” ha concluso Giardina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»