Maturità, Giardina: “Ok tracce storiche ma non basta, il problema va risolto”

Lo storico Andrea Giardina è l'autore - insieme a Liliana Segre e Andrea Camilleri - del manifesto/appello per la reintroduzione della Storia nella prima prova d'esame
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con l’inserimento degli argomenti storici nelle tracce della prima prova degli esami di maturità, “si è cercato di interpretare il disagio fortissimo contenuto anche nel manifesto che ho scritto e di cui sono firmatari oltre 70 soggetti appartenenti al mondo accademico e non solo. Va apprezzato lo sforzo del ministero, ma il problema resta”. Lo ha detto, all’agenzia Dire, lo storico Andrea Giardina autore – insieme a Liliana Segre e Andrea Camilleri – del manifesto/appello per la reintroduzione della Storia nella prima prova d’esame. “Con queste tracce emerge sicuramente la volontà di apporre dei correttivi – dato che probabilmente il Miur si è reso conto dell’errore – ma è necessario che dal prossimo anno si metta mano concretamente alla questione dando un’autonomia alla Storia nell’esame di Stato” ha concluso Giardina.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»