fbpx

Tg Riabilitazione, edizione del 19 giugno 2019

NEL 2025 NEL LAZIO MANCHERANNO 15MILA MEDICI

“Sicuramente la Regione Lazio è tra le prime regioni in Italia come numero di strutture pubbliche, policlinici universitari e strutture private accreditate e, secondo le nostre statistiche, entro il 2025 mancheranno più di 15mila medici. Le richieste giunte all’Amsi provengono dalle strutture sanitarie pubbliche, in particolare pronti soccorso, guardia medica, ambulanze, poliambulatori privati e convenzionati, centri di fisioterapia e centri per analisi del sangue”. Lo fa sapere il consigliere dell’Ordine dei Medici di Roma e presidente dell’Amsi-Associazione medici di origine straniera in Italia, Foad Aodi, anticipando alcuni dati che saranno presentati durante il prossimo Congresso Amsi, che si svolgerà il 22 giugno presso la clinica Ars Medica di Roma. Le figure mediche più richieste sono i radiologi, gli anestesisti, i neonatologi, i pediatri, i medici d’urgenza, i fisiatri, gli ortopedici, i medici sportivi, i chirurghi vascolari, i ginecologi e i medici di famiglia.

AIL PROMUOVE LA VELATERAPIA PER RIABILITAZIONE PSICOLOGICA

“‘Sognando Itaca’ che mira a portare la velaterapia come strumento di riabilitazione psicologica per il paziente ematologico”. Cosi’ alla Dire Valeria Rotoli, presidente della sezione Ail di Napoli, a margine della quarta edizione di ‘Veleggiare nel mare della solidarieta’ contro le leucemie’. Nel corso della giornata i pazienti sono stati “portati in barca per vivere l’esperienza di andare in mare e lasciare per qualche ora lo stress e l’ansia che purtroppo la malattia comporta”. Il progetto rientra nelle iniziative organizzate da Ail per la Giornata Nazionale contro le leucemie linfomi e mieloma in programma il 21 giugno. Napoli è stata la prima di sette tappe nel Mar Tirreno: a seguire saranno interessate anche Salerno, Cetraro Marina, Reggio Calabria, Augusta, Catania e Palermo. Nell’itinerario ci sara’ anche Brindisi, con uno speciale Itaca day nel Mar Adriatico.

SIUD: INCONTINENZA URINARIA SI COMBATTE CON ELETTROSTIMOLAZIONE

Dall’incontinenza urinaria maschile e femminile al prolasso genitale e agli interventi chirurgici, passando per il pavimento pelvico e il perineo dopo il parto, fino alla riabilitazione delle disfunzioni pelviperineali. Sono solo alcuni dei temi trattati nel corso del 43esimo Congresso nazionale della Societa’ italiana di Urodinamica. “L’elettrostimolazione è un’arma che possiamo utilizzare per il trattamento dell’incontinenza urinaria. Si tratta dell’applicazione di uno stimolo elettrico a una struttura, di tipo nervoso o muscolare, atto ad ottenere un effetto”. Lo fa sapere all’agenzia Dire la dottoressa Antonella Biroli, fisiatra dell’ospedale San Giovanni Bosco di Torino e referente della Commissione multidisciplinare della Siud. Per quanto riguarda invece il trattamento del dolore pelvico cronico, questo coinvolge diverse discipline ed multimodale. “Nell’ambito del trattamento, quello riabilitativo gioca senz’altro un ruolo importante- spiega ancora la fisiatra- Un trattamento sia di tipo manuale sia strumentale va indicato a seconda delle caratteristiche del paziente, quindi secondo le caratteristiche del dolore, della fisiopatologia del dolore e della sintomatologia descritta dal paziente”.

AISM: ‘SWIM&MOVE’ PER INCORAGGIARE STILI DI VITA SANI

Si chiama ‘Swim&Move’ e vuole incoraggiare gli stili di vita sani e attivi. La sesta edizione di quest’anno comprende la gara di solidarieta’, 12 ore Nuotando con Amore, staffetta di nuoto endurance a squadre, e ‘#SMuoviti 2.0’. L’iniziativa, ideata l’anno scorso dal Gruppo Giovani di Aism Roma, ha incluso varie attività tra cui dimostrazioni sportive e balli di gruppo consigliate dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, per il benessere delle persone affette da questa patologia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

19 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»