Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, al porto di Reggio Calabria sbarcano in 1.044/FOTO e VIDEO

Sono arrivati in porto a bordo della nave 'Vos Prudence' dell’organizzazione 'Medici senza frontiere'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – 1.044 migranti sono arrivati al porto di Reggio Calabria a bordo della nave ‘Vos Prudence‘ dell’organizzazione ‘Medici senza frontiere‘. Si tratta di uomini, donne e minori di varie nazionalità, molti dei quali della zona africana subsahariana, Siria e Bangladesh. Le condizioni dei migranti non sono sembrate ottimali tanto da dover essere nuovamente assistiti, una volta sbarcati, dai sanitari del 118 e dal personale della Protezione civile calabrese (Croce Rossa e Azienda Ospedaliera).

Le operazioni si sono svolte con regolarità, grazie soprattutto alla preparazione di tutte le associazioni coinvolte nel coordinamento sbarchi coordinate dalla Prefettura con il supporto dei Migrantes della Caritas diocesana. Per l’occasione è stata nuovamente allestita una speciale tenda per il trattamento igienico sanitario dei migranti con patologie cutanee. Un centinaio si fermerà per una notte a Reggio Calabria per gli altri è già stato previsto un trasferimento in base al piano predisposto dal ministero dell’Interno: 200 Lombardia, 100 Lazio, 100 Puglia, 200 Emilia Romagna, 75 Marche, 50 Abruzzo, 23 Molise, 150 Puglia, 25 Umbria.

di Mario Vetere, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»