Bologna. I 4 candidati a Rettore dell’Alma Mater contro Renzi: “Telecontrollo del lavoro è lesivo”

[caption id="attachment_11710" align="alignleft" width="300"] I 4 aspiranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
I 4 aspiranti Rettore di Bologna
I 4 aspiranti Rettore di Bologna

BOLOGNA –  Secondo round dei candidati rettore dell’Alma Mater di Bologna contro il Governo Renzi. Ed è sempre il Jobs act il bersaglio, in particolare il decreto applicativo sul telecontrollo dei lavoratori. Tutti e quattro gli aspiranti successori di Ivano Dionigi alla guida dell’Università si rifiutano di applicarla nel caso vengano eletti.

“Il controllo a distanza è una lesione pura e semplice dei diritti delle persone- va dritto al punto il prorettore Gianluca Fiorentini- per fortuna quello sciagurato decreto non pone l’obbligo di rispettarlo, è facoltativo, e io mi impegno a non applicarlo”. Della stessa idea è anche l’ingegnere Francesco Ubertini. “Il controllo a distanza è lesivo dei diritti dei lavoratori- afferma- se sarò rettore, non lo applicherò”. Per l’esperto di scienze aziendali, Maurizio Sobrero, quel decreto “improvvido non va bene non solo per l’Ateneo, ma per tutto il Paese. E’ contro ogni elemento di base di un vero convivere civile”. Si inalbera addirittura il prorettore Dario Braga. “Ma di cosa stiamo parlando?- afferma il candidato rettore- quel decreto è una forma degenerativa del sistema, non lo applicherò se sarò eletto”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»