NEWS:

Matteo, Sarah e Beatrice raccontano la propria vita con la Sindrome di Williams

Malattia rara che registra una delezione del cromosoma sette del nostro Dna e che colpisce una persona su 10mila

Pubblicato:19-05-2023 12:52
Ultimo aggiornamento:19-05-2023 12:52

dna
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Matteo ha poco più di 28 anni e da quando è nato fa fronte alle difficoltà derivanti dalla Sindrome di Williams, una malattia rara che registra una delezione del cromosoma sette del nostro Dna e che colpisce una persona su 10mila. “Avevo appena un anno e mezzo- racconta- quando sono stato operato al cuore. Intervento necessario per poter sopravvivere”.
Sarah, che di anni ne ha invece 16, è consapevole della propria malattia. “Si tratta- spiega- di una patologia resa evidente dai miei occhi, dal mio naso e dalle mie labbra“. Consapevolezza che però deve fare spesso, troppo spesso, i conti con il pregiudizio. “É la cosa che mi fa più rabbia- afferma Lara, la mamma di Elisa, una ragazza di 22 anni. Si dà per scontato che non apprendano, che non capiscano, che non possano raggiungere determinati obiettivi. E invece i nostri ragazzi sono resilienti, sanno sorprendere”. “Dobbiamo sentire la fiducia di tutti- interrompe Lara- noi siamo determinati a inseguire i nostri sogni, a vivere il nostro quotidiano, a non essere di troppo”.
“Se i genitori capiscono che il proprio figlio ha questa Sindrome– sostiene Beatrice, una ragazza di 12 anni dai modi di fare quanto mai determinati- devono lavorare per garantirgli comunque una vita sociale adeguata”.

LA GIORNATA INTERNAZIONALE PER SENSIBILIZZARE L’OPINIONE PUBBLICA

La Giornata Internazionale che si celebra domani ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su un tema troppo spesso dimenticato. “La patologia- spiega Paolo Alfieri, neuropsichiatra dell’infanzia e dell’adolescenza presso l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma– è correlata a disabilità intellettiva, a disturbi del linguaggio e della coordinazione motoria e a problemi di carattere comportamentale. Bisogna proprio per questo motivo riconoscerla in tempo e agire immediatamente, con mirati interventi riabilitativi. Da qui, la necessità di parlarne quanto più possibile e di porre all’attenzione pubblica una patologia spesso dimenticata. Anche per dare a chi ne soffre, soprattutto in età adolescenziale, un’autonomia, diciamo così, di carattere sociale”.
“E il nostro compito- aggiunge Paola Risso, presidente di Apw Italia, l’Associazione che riunisce appunto le persone affette da questa malattia rara– è proprio questo: sostenere i pazienti e le loro famiglie. Noi dobbiamo fare rete per superare ostacoli e barriere e per far capire che, oltre alla disabilità, questi ragazzi hanno enormi capacità da esprimere. In loro, vi è una resilienza che definirei innata di cui non si può che essere orgogliosi. La nostra speranza poi è nella ricerca, che sta ottenendo risultati promettenti, che auspichiamo possa migliorare la vita delle persone con la Sindrome di Williams”.
L’annuncio arriva proprio da un convegno internazionale organizzato dall’Apw Italia, dove il professor Boaz Barak, dell’Università di Tel Aviv, ha illustrato i primi risultati di una sperimentazione condotta, unica al mondo, anche su pazienti italiani. “Il cervello- dichiara Barak- è composto da tanti neuroni connessi l’uno con l’altro che permettono, sincronizzandosi, di far funzionare alla perfezione l’organo. Sono ricoperti da uno strato di isolamento che si chiama mielina. I nostri studi hanno rivelato che questa sostanza risulta abnorme nelle persone con la sindrome di Williams e abbiamo scoperto una soluzione per migliorare quei livelli così importanti”.
Questo grazie a un farmaco, la clemastina, che promuove in maniera efficace la mielinizzazione. “Stiamo sperimentando la terapia su 30 pazienti, maschi e femmine di età compresa tra i 6 ed i 30 anni, affetti dalla Sindrome di Williams- continua Barak- e i primi risultati sembrano incoraggianti. Si nota un’importante riduzione del deficit cognitivo che ci fa ben sperare per il trattamento futuro della malattia”.

COME SI MANIFESTA LA PATOLOGIA

Una patologia che si manifesta già nei primi mesi di vita con diversi campanelli d’allarme: lo scarso accrescimento, la difficoltà di alimentazione, il ritardo nello sviluppo motorio e la presenza di malformazioni. Nel corso degli anni, poi, presenta facies caratteristica, cardiopatie (in particolare stenosi sopravalvolare dell’aorta), anomalie cognitive, dello sviluppo e del tessuto connettivo. “Siamo davvero contenti- conclude la presidente di Apw Italia, Paola Risso– che la ricerca stia facendo passi da gigante. Far crescere la speranza fa bene a chi ogni giorno deve combattere con questa patologia, ai pazienti come alle loro famiglie, e noi lavoriamo perché abbiano un supporto costante, perché non siano mai lasciati soli”.
La Sindrome di Williams, di recente scoperta, va dunque sostenuta da una informazione capillare che possa raggiungere sempre più le famiglie che vivono questo problema. In attesa che la ricerca possa fare il proprio corso e migliorare sempre più la vita di queste persone e delle loro famiglie.
Per tutte le informazioni sulla Sindrome di Williams e sulla Giornata Internazionale, https://www.youtube.com/watch?v=RwFCOOQbkk0


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy