Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marche, al via il progetto Smart Packaging per confezionamenti biocompatibili

Mirco Carloni Sandro Pergolesi Marche
A Osimo la presentazione del Progetto Smart Packaging: 23 milioni di investimenti, con due aziende marchigiane coinvolte. Carloni: “nuova strategia industriale complessiva a favore della competitività”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Il biocompatibile di nuova generazione arriva nelle Marche, con innovativi materiali per il confezionamento dei prodotti alimentari. Saranno in grado di superare i test prestazionali e di affidabilità previsti dalle certificazioni internazionali. Verranno studiati e sperimentati nell’ambito di uno dei quattro accordi per l’innovazione che il nuovo governo regionale sta cofinanziando con un contributo complessivo di 1,3 milioni di euro. I quattro progetti porteranno sul territorio investimenti in ricerca e sviluppo per oltre 42,6 milioni di euro e un impatto occupazionale superiore a 120 nuove assunzioni.

A Osimo, nell’azienda Cristianpack, è stato presentato il progetto “Nuove tecnologie per il food & wine tipico della tradizione italiana” che coinvolge due importanti realtà imprenditoriali marchigiane: la Cristianpack e la Co.Pe.Mo di Ancona. Insieme alla Ica e alla Aroma System di Bologna, e all’Università “Romatre”, punteranno a migliorare la sicurezza e la qualità degli alimenti attraverso lo sviluppo di processi e prodotti packaging innovativi, nell’ottica dell’economia circolare e dell’Industria 4.0.

“Per la prima volta stiamo predisponendo una strategia industriale complessiva che guarda al futuro e consente alle nostre imprese di riprendersi un ruolo attivo e vincente sui mercati – ha ricordato il vicepresidente Mirco Carloni, assessore alle Attività produttive -. Come Regione Marche metteremo a disposizione tutte le risorse necessarie a favore di quelle aziende che vogliono rendersi competitive all’insegna della ricerca e dell’innovazione. Il nostro obiettivo è far tornare l’imprenditore al centro della progettualità industriale, declinando l’intervento pubblico in funzione delle effettive necessità che ci verranno indicate, evitando le rigidità storiche dei bandi regionali. Questo progetto di eco-packaging intelligente rientra pienamente nella nuova Strategia della specializzazione intelligente che stiamo elaborando e sulla quale investiremo pesantemente ed in modo mirato nella prossima programmazione Ue 2021-2027”.

Sandro Pergolesi, titolare della Cristianpack, ha parlato di “occasione per le piccole e medie imprese marchigiane di investire su tecnologie e materiali sostenibili per l’ambiente”. Cesare Rapparini di Aroma System della necessità di “trasformare le tecnologie tradizionali in un’ottica ambientale, efficientando processi e risorse”. Fabrizio Faedi, referente del progetto, di una “proposta nata nel segno dell’economia circolare. Mette assieme nuovi materiali partendo dal bio e dal riciclato, con metodi e servizi di nuova generazione”.

Il programma prevede investimenti in ricerca e sviluppo per 23,2 milioni di euro, di cui 10,3 realizzati dalle imprese con sede nelle Marche (Cristianpack 4,6 milioni e Co.Pe.Mo 5,6 milioni). Il Mise interviene con 10,2 milioni e le la Regione Marche con 309 mila euro (quota prevista dagli accordi). Rilevanti gli effetti attesi, nel triennio, sui livelli occupazionali, con un incremento occupazionale di 116 unità tra tutte le imprese partecipanti (marchigiane e non), di cui 21 nella Cristianpack di Osimo e 25 nella Co.Pe.Mo di Ancona.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»