Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Myss Keta torna in tour da giugno: annunciate le prime date

myss_keta_tour
A Roma, Bologna e Locorotondo. Sarà accompagnata dal gruppo DPCM
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A un anno e mezzo dalle sue ultime performance live, Myss Keta torna finalmente sul palco. Sono state annunciate le prime date del suo L 02 E TOUR curato da DNA concerti. La cantante si esibirà il 21 giugno alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, il 30 giugno al Nova di Bologna e il 15 agosto al Locus Festival di Locorotondo in provincia di Bari.

LEGGI ANCHE: MYSS KETA senza maschera, ecco il viso della misteriosa rapper

VIDEO | Myss Keta, Elettra Lamborghini e il quasi bacio a Sanremo: l’ironia dei social

In un mondo profondamente cambiato, Myss Keta torna in tour in una forma completamente inedita accompagnata dalla band DPCM, una formazione strumentale formata da L I M al bassoGiungla alla chitarra e Danila Guglielmi alla batteria elettronica.

Isorprendente show di Myss Keta & DPCM presenterà per la prima volta dal vivo alcuni brani dei suoi ultimi due lavori discografici: ‘Il cielo non è un limite‘, disco uscito a fine 2020 che celebrava l’aria durante la pandemia e metteva in stato d’accusa un mondo piombato in un ‘medioevo digitale’; e ‘Lato B’, il dittico oscuro, post-punk e darkwave uscito lo scorso aprile (che ha inaugurato il sodalizio con la band DPCM).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»