Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie, Pietro Grasso lancia le sue ‘stories’ social

storie di mafia pietro grasso
L'ex magistrato su Instagram: "Vi racconterò tutto quello che so"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le memorie di uno dei protagonisti indiscussi della lotta a Cosa nostra sbarcano su Instagram. Si chiama ‘Stories di mafia‘ il nuovo progetto social di Pietro Grasso. L’ex magistrato, già presidente del Senato, che fu uno dei giudici a latere del Maxiprocesso a Cosa nostra del 1986 – quello istruito dal pool antimafia che inventò Rocco Chinnici e di cui fecero parte Antonino Caponnetto, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Giuseppe Di Lello e Leonardo Guarnotta – ha deciso di “raccontare di nuovo, tutto, dall’inizio. Sperimentando un linguaggio diverso”.

“Tutto quello che so e che vorrei sapeste anche voi- spiega Grasso che si rivolge in particolare ai giovani- il mondo è cambiato, corre veloce nelle foto, nei video e sulle stories di Instagram. Non è vero che i più giovani siano disinteressati, che non abbiano voglia di impegnarsi. È proprio ascoltandoli e imparando da loro che ho capito che non sono loro a dover cambiare, ma noi. È il racconto che deve adeguarsi, trovare nuovi linguaggi, andare lì dove manca”.

Le parole della mafia, i boss della mafia, la strage di Portella della Ginestra che ispira ancora la giornata del 1 maggio, le stragi del biennio ’92-’93 e i protagonisti dell’antimafia. Non solo i più noti tra loro, come Falcone, Borsellino e Peppino Impastato, ma anche storie decisive e meno raccontate come Pietro Scaglione, il primo magistrato ucciso da Cosa nostra insieme al suo agente di scorta Antonio Lorusso, o il capitano dei Carabinieri Emanuele Basile sulla morte del quale investigò Borsellino che, proprio da qui, iniziò più intensamente a occuparsi di mafia. Questi i primi contenuti già online.

“Credo da sempre– aggiunge Grasso lanciando la sua nuova avventura social- che l’antimafia della repressione, fatta di buone leggi, indagini e arresti, non basti: le mafie si sconfiggono con l’impegno di tutti, non solo delle Istituzioni. Servono le persone, serve ciascuno di noi. Per questo ho scritto libri, partecipato a manifestazioni e ricorrenze, a conferenze e programmi televisivi; per questo ho incontrato migliaia e migliaia di studenti di ogni età nelle scuole, nelle università, in giro per il nostro bellissimo Paese. Lo faccio ancora, anche se ultimamente non posso abbracciare studenti e studentesse ma solo salutarli in videocall. L’emozione– conclude l’ex magistrato- è comunque grandissima ma mi auguro si possa presto tornare agli incontri in presenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»