Da Salvamamme 1000 pacchi aiuto per le famiglie del Lazio da 200 euro

L'iniziativa solidale finanziata con 195mila euro dalla Regione Lazio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Oltre 1000 pacchi aiuto del valore di 200 euro ognuno raggiungeranno altrettante famiglie in difficolta’ nel Lazio. E’ partito oggi il progetto “Famiglie in emergenza”, finanziato con 195mila euro dalla Regione Lazio e operato dall’associazione Salvamamme, la rete di ‘angeli’ che sin dall’inizio del lockdown, con l’aiuto della Polizia di Stato e delle Fiamme Oro Rugby, ha distribuito aiuti ai piu’ bisognosi.

IL PROGETTO

L’iniziativa e’ stata presentata nello spazio antistante il Family Support centre di C.R.I., dove hanno avuto luogo le prime consegne. “Non ci hanno fatto sentire mai soli”, ha testimoniato una delle madri entrando coi suoi due figli nel percorso “Sicurezza con amore”, costruito ad hoc per garantire la distribuzione dei pacchi aiuto nel rispetto delle norme anti-covid. E’ una struttura mobile che sara’ trasportata in ogni tappa di consegna che si terra’ nelle province del Lazio: si comincia con l‘igienizzazione delle mani, la consegna di guanti, poi si viene indirizzati nei gabbiotti numerati distanti l’uno dall’altro per attendere il proprio turno. “Le nostre mamme sono creature deliziose, abituate al salto ostacoli”, ha scherzato la presidente di Salvamamme, Grazia Passeri. Quando il numero del gabbiotto viene chiamato, la persona puo’ ritirare il suo pacco che l’associazione personalizza a seconda delle esigenze. Dentro, ci si possono trovare generi di prima necessita’ e non solo: alimenti a lunga conservazione, pannolini, omogeneizzati, vestiti per neonati e bambini, prodotti per l’igiene. Poi anche giochi e altri beni che l’associazione aggiunge attingendo alle proprie scorte. Grazie ad un accordo con Arsial, poi, buona parte del cibo e’ proveniente dalle aziende del Lazio.

“E’ un’iniziativa a cui partecipiamo con gioia- ha detto Rosati- e con l’idea di supportare l’economia di prossimita’ che oggi piu’ che mai diventa una strada da perseguire per una produzione ed un consumo piu’ sostenibile. Insieme a Salvamamme creiamo una rete indispensabile perche’ nessuno resti solo”.  All’inaugurazione dell’iniziativa di solidarieta’ hanno partecipato tutte parti coinvolte: il coordinatore del progetto, Paolo Masini, l’assessore al Bilancio della Regione Lazio, Alessandra Sartore, la consigliera regionale Marta Bonafoni, il Direttore della Croce Rossa Italiana Area Metropolitana, Federico Bonadonna, e il commissario coordinatore Fiamme Oro Rugby Massimo Maurotto.

“Coniugare aiuti e sicurezza- ha dichiarato Bonadonna- e’ la strada da seguire sia per continuare a sostenere chi ha bisogno sia per sensibilizzare tutti anche attraverso il volontariato ad avere comportamenti responsabili. Grazie ancora una volta a Salvamamme per l’esempio di solidarieta’ che rappresenta ormai da tempo e che vede questa realta’ insieme alla Croce Rossa molto presente sul nostro territorio”.

Ricordando che la Regione ha messo subito 20 milioni per attivare i bonus famiglia, Sartore ha sottolineato anche il supporto dell’amministrazione al progetto ‘Salvamamme sicurezza con amore’ nell’ambito delle misure straordinarie messe in campo dall’inizio dell’emergenza Covid: “Sono stati 249 in totale le associazioni che hanno risposto all’avviso pubblico della Regione e siamo riusciti a soddisfare tutte le domande con un finanziamento complessivo di 4,57 milioni di euro. Un contributo, per un massimo di 200mila euro a progetto, per dare respiro agli enti del terzo settore che quotidianamente si occupano di assistenza alle persone, alla distribuzione di beni di prima necessita’ e di prodotti per l’infanzia per le famiglie piu’ bisognose”.

Per Marta Bonafoni “ancora una volta l’alleanza tra societa’ civile e Regione si dimostra la carta vincente per combattere l’aumento delle disuguaglianze che questa pandemia ci ha fatto conoscere in tutta la sua durissima realta’. Salvamamme rappresenta in questo una grande risorsa ed una eccellenza per la nostra regione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»