#Atuttomondo: le principali notizie dall’estero

A cura dell’Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – #ATUTTOMONDO. Questo il titolo della rassegna stampa internazionale dell’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT, frutto del lavoro congiunto di studentesse e studenti della Facoltà di Interpretariato e Traduzione e del blog di Ateneo. In collaborazione con l’agenzia Dire, ogni martedì e venerdì verrà diffuso sulla rete nazionale delle agenzie, sul sito e social della Dire.

Se fino a pochi mesi fa il Presidente della Repubblica Federale del Brasile Jair Bolsonaro sosteneva l’immunità del Paese dal Covid-19 dichiarandolo pronto ad affrontare “un’influenza da poco”, ad oggi la situazione è tutt’altro che sotto controllo. Nonostante ciò Bolsonarocontinua a sembrare impassibile alla pandemia.
In data 17 maggio, stando ai dati del Ministro della Salute, il Brasile ha registrato il maggior numero di casi giornalieri: quasi 15.000 per un totale di 234.000 contagi e 15.662 decessi. Il Brasile è così diventato il quarto paese per numero di contagi, superando Germania, Francia, Spagna e Italia e seguendo Stati Uniti, Russia e Regno Unito.

Lo Stato di São Paulo continua a essere quello più colpito, con circa ¼ dei casi totali. Seguono gli stati di Ceará e Rio de Janeiro. Sono 89.000 i pazienti guariti e 109.000 quelli sotto osservazione. Mato Grosso do Sul e Mato Grosso sono gli unici due Stati federati a non aver ancora superato i 900 casi.

In base al giornale O Globo, da un’indagine realizzata da alcuni medici nel periodo compreso tra il 30 marzo e il 6 maggio, emergono più di duemila denunce di dottori che segnalano la mancanza di test diagnostici e l’assenza di mascherine, guanti, gel igienizzati e camici. Come se tutto ciò non bastasse, oltre alla crisi sanitaria e sociale sono iniziate anche le prime controversie politiche interne. Un esempio è il caso dell’ex Ministro della Salute Luiz Henrique Mandetta che lo scorso 16 aprile diede le proprie dimissioni per “incompatibilità’” con Bolsonaro. Il Presidente della Repubblica ha recentemente fatto un appello ai governatori chiedendo di abbandonare le misure di sicurezza da loro prese. Al momento sono tre le zone metropolitane in lockdown (São Luís, Belém e Fortaleza) ma anche Rio de Janeiro è pronto ad adottare misure di restrizione maggiori. 

Il Presidente brasiliano sembra (inverosimilmente) ancora molto critico e restio a queste misure di isolamento e si oppone alla decisione dei governatori di chiudere le attività e i servizi. A detta del Presidente, il lockdown è una decisione esagerata che porterebbe il Paese a una situazione di miseria simile a quella dei paesi dell’Africa subsahariana. Bolsonaro dichiara:
«Il Paese è sul punto di rottura e riprendersi da questa crisi sarà impossibile. Il nostro destino sarà vivere in un Paese di miserabili, proprio come alcuni paesi africani. Noi, invece, dobbiamo avere il coraggio di affrontare il virus. Delle persone stanno morendo? Mi dispiace moltissimo ma sarà ancora peggio, e molto peggio, se l’economia continuerà ad essere devastata a causa di queste misure. Dobbiamo aprire di nuovo o soffriremo la fame e la fame uccide» aggiunge Bolsonaro. «Questo è un appello che faccio a tutti i governatori al fine di rivedere la loro politica. Io sono pronto al dialogo».

L’ex Presidente della Repubblica Lula da Silva ha recentemente dichiarato in un’intervista che sta pregando affinché il popolo scappi da questo genocidio di responsabilità causato da Bolsonaro. «Il Governo sta trasformando in nemici quelle persone che si preoccupano seriamente del coronavirus» aggiunge Lula in risposta agli attacchi di Bolsonaro, il quale sembrerebbe più preoccupato per le nuove misure di distanziamento sociale e il loro impatto sull’economia.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA RASSEGNA COMPLETA

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»