Ossigeno ozono terapia contro il Covid19, “Attesa per studi definitivi”

Intervista a Foad Aodi, coordinatore della Commissione sull'Ossigeno ozono terapia interdisciplinare dell'Ordine dei Medici di Roma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sull’utilizzo dell’Ossigeno ozono terapia come eventuale cura contro il Covid-19 ci sono diversi studi, come quello condotto dal dottor Franzini della SIOOT e dal Policlinico Umberto I. Ma attendiamo i risultati definitivi, perché come per ogni pratica medica servono evidenze scientifiche a supporto nell’interesse dei pazienti ma anche della terapia stessa. All’Ordine dei Medici abbiamo istituito una Commissione ad hoc, proprio per fare luce sull’efficacia dell’ozono”. Così all’agenzia Dire il coordinatore della Commissione sull’Ossigeno ozono terapia interdisciplinare dell’Ordine dei Medici di Roma, Foad Aodi.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Sioot: “L’ossigeno ozono terapia negativizza il Covid-19 in 7 giorni”

“A livello internazionale numerosi Paesi utilizzano l’ossigeno ozono terapia come pratica medica contro il Covid-19– fa sapere Aodi, che è anche presidente dell’Associazione dei Medici di origine straniera in Italia- Ma sono fondamentali i primi cinque giorni, la terapia va fatta subito, prima che i sintomi del virus (febbre, perdita di gusto e olfatto, mal di gola) diventino importanti. Non è neppure necessario attendere il tampone, visto che purtroppo spesso ritarda. Da quello che mi riferiscono i colleghi i risultati sono molto incoraggianti”. Secondo Aodi, non bisogna avere “pregiudizi o chiusure nei confronti dei ‘nuovi’ trattamenti”, compreso l’ossigeno ozono terapia, ma anche la terapia con il plasma “che moltissimi Paesi arabi stanno utilizzando con risultati davvero positivi”. Ogni terapia, tiene però a sottolineare, va utilizzata “facendo una valutazione caso per caso”, anche se l’obiettivo principale deve essere quello di “ospedalizzare il meno possibile, puntando a terapie a domicilio- aggiunge Aodi- come abbiamo dimostrato nella ricerca condotta insieme all’Unione medica Euro Mediterranea (UMEME) che ha coinvolto 72 Paesi”.

Il ministero della Salute, intanto, sul suo sito ha inserito tra le fake news il fatto che l’ozono svolga una funzione di disinfezione perché sterilizza aria e ambienti. “Non ci sono evidenze che l’ozono svolga una funzione sterilizzante nei confronti del nuovo Coronavirus- si legge sul sito- e che conseguentemente metta al riparo dal contrarre l’infezione”.

Come commenta? “Nessuno ovviamente vuole sanificare gli ambienti con l’ozono– risponde Aodi all’agenzia Dire- prima si deve disinfettare con l’ozono, poi fare una sanificazione. Il limite dell’ozono è che non può essere utilizzato in presenza di persone perché può essere tossico una volta inalato. In ogni caso su questo tema serve un chiarimento, per evitare disinfezioni ‘fai da te’ che potrebbero essere pericolose. Il ministero ha parlato di fake news, ma istituzioni di altri Paesi non dicono la stessa cosa. Noi siamo medici e siamo per la chiarezza, per le evidenze scientifiche e per la tutela della salute, che passa certamente per il distanziamento sociale ma anche per la sanificazione degli ambienti. Se ci sono dei dubbi- conclude infine il coordinatore della Commissione sull’Ossigeno ozono terapia interdisciplinare dell’Omceo Roma- è necessario che il ministero della Salute e l’Istituto superiore di Sanità li chiariscano per l’interesse di tutti e a favore del diritto alla salute”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»