Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rubò e incendiò un’auto della guardia di finanza, fermato a Napoli percettore reddito di cittadinanza

Stamattina i militari della guardia di finanza del comando provinciale di Napoli hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di un 34enne napoletano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Stamattina i militari della guardia di finanza del comando provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di un 34enne napoletano, responsabile del furto e del successivo incendio di una macchina della guardia di finanza. I fatti risalgono al luglio dello scorso anno quando, intorno alle 2:30 di notte, nella zona di Mergellina, un’autovettura di servizio in uso alla stazione navale delle fiamme gialle di Napoli e’ stata oggetto di furto. La stessa notte la vettura venne poi ritrovata completamente incendiata da una pattuglia dei carabinieri a Casoria (Napoli). Successivamente, i militari del nucleo di polizia economico-finanziaria, recuperando le riprese dalle videocamere di sorveglianza, sono riusciti a identificare due motoveicoli, uno dei quali in uso ad Antonio Daniele. Nei suoi confronti e’ stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare da parte del gip del tribunale di Napoli. L’uomo risultava beneficiario del reddito di cittadinanza e la sua posizione e’ stata segnalata all’Inps per la sospensione dell’aiuto economico. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»