fbpx

Tg Ambiente, edizione del 19 maggio 2020

RIAPERTURA IN SPIAGGIA? BARRIERE ENEA ‘SUPER ECO’

Dal mondo della ricerca una soluzione green per assicurare il corretto distanziamento sulle spiagge nella fase post-emergenza COVID-19. L’idea è di utilizzare la Posidonia oceanica, una pianta marina che si deposita in grandi quantitativi sugli arenili mediterranei, per realizzare barriere di sicurezza ecologiche. L’innovazione – sviluppata da ENEA in collaborazione con l’azienda Ecofibra – consiste in pannelli divisori imbottiti con Posidonia, raccolta ed essiccata, per separare gli ombrelloni e creare dei percorsi di accesso all’acqua, in linea con l’attuale normativa sanitaria. I dispositivi – alti circa 120 cm e larghi 200 cm – sono economici, facilmente riutilizzabili e realizzati con materiali 100% naturali, risolvendo anche il problema dell’accumulo di posidonia.

SCARICHI FOGNE A MARE, SEQUESTRATI 12 DEPURATORI

“Gli ottimi risultati raggiunti da indagini importanti come Cloralix ci aiutano a smantellare un sistema che finora ha fatto da supporto ai fenomeni di inquinamento dei corsi d’acqua, della falda acquifera e più in generale delle matrici ambientali”. Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, commenta così l’operazione dei carabinieri del Noe e dai carabinieri forestali che ha portato al sequestro di ben dodici impianti di depurazione del beneventano per l’inquinamento dei fiumi Sabato e Calore. Le indagini hanno riscontrato una presenza “diffusa e massiva” di scarichi diretti dalle fogne nei due fiumi, causandone il “notevole deterioramento” delle acque gravemente inquinate da solidi sospesi, alluminio e piombo, elevate concentrazioni di azoto ammoniacale e azoto nitrico e perfino di Escherichia Coli ben oltre i limiti.

A CATANIA DISCARICA ABUSIVA SCARTI BASALTO LAVICO

Una discarica abusiva di scarti della lavorazione di basalto lavico è stata scoperta e sequestrata dai carabinieri di Misterbianco, in provincia di Catania, in un’area nei pressi di un’azienda. All’interno dell’area, di circa 600 metri quadrati, erano conservate circa 500 tonnellate di scarti provenienti dalla lavorazione di materiale basaltico. I carabinieri della Tenenza di Misterbianco e del Nucleo operativo ecologico di Catania hanno denunciato il 39enne amministratore unico dell’azienda perché ritenuto responsabile di violazione delle norme in materia ambientale relative alla gestione illecita dei rifiuti.

OASI WWF APERTE VERSO ‘GIORNATA’ ANNUALE 24 MAGGIO

E’ iniziata ieri la settimana di avvicinamento alla Giornata delle Oasi, il tradizionale appuntamento con le aree naturali protette gestite direttamente dal WWF Italia che quest’anno si svolgerà il 24 di maggio. E comincia con una buona notizia perché diverse oasi del WWF, con tutte le accortezze del caso e con protocolli che assicurino la sicurezza dei visitatori, durante la settimana riapriranno al pubblico. Le riaperture saranno contingentate e quindi le visite dovranno essere prenotate. Come? Basta cercare sul sito wwf.it il numero di telefono o l’indirizzo mail dell’Oasi che si intende visitare e concordare direttamente la visita. Naturalmente si dovranno rispettare una serie di regole anti contagio, come il distanziamento di almeno 2 metri e l’uso di mascherine e gel disinfettanti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

19 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»