fbpx

Calcoli ai reni? Ne soffrono 200 persone ogni 100mila

BOLOGNA – Di calcoli ai reni e alle vie urinarie soffrono circa 200 persone ogni 100.000 abitanti. Un impatto “molto elevato in Italia”, che porta migliaia di persone a chiedere cure mediche farmacologiche o chirurgiche, “con una maggiore incidenza nelle regioni del sud”. A spiegarlo è Letterio D’Arrigo, responsabile di endurologia all’ospedale Cannizzaro di Catania, nell’ambito del congresso nazionale dell’associazione urologi italiani (Auro), in corso in questi giorni a Bologna.

SEGUI LO SPECIALE SUL XXVI CONGRESSO DELL’AURO

Contro i calcoli urinari, consiglia D’Arrigo, occorre “prestare molto riguardo alla prevenzione, in particolare alle recidive, che a tutt’oggi sono molto alte”. Per questo, spiega l’esperto, “molta attenzione deve essere riservata alla dieta. Su questo aspetto possiamo sicuramente incidere, valutando molto bene la tipologia di calculosi e personalizzando una dieta che possa ridurre l’incidenza di questa patologia e delle sue recidive”.

Per eliminare i calcoli da reni e vie urinarie, oggi sono a disposizione “strumenti miniaturizzati- continua D’Arrigo- in grado di offrire un trattamento personalizzato in funzione della tipologia del calcolo da trattare”. Si tratta di strumenti che “possono essere introdotti nelle cavità renali per via naturale o percutanea e che si avvalgono poi dell’utilizzo di apparecchiature laser sempre più efficaci, per ottenere una risoluzione del problema vicina al 100%”.

SEGUI LO SPECIALE SUL XXVI CONGRESSO DELL’AURO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

19 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»