Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sabato 21 maggio torna la notte dei musei

ROMA - Torna la Notte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

musei capitolini

ROMA – Torna la Notte dei Musei. Sabato 21 maggio, infatti, i principali musei, monumenti e siti archeologici del MiBACT osserveranno tre ore di apertura serale straordinaria e saranno visitabili al costo simbolico di un euro. “Grazie all’adesione del MiBACT a questa importante iniziativa promossa dal Consiglio d’Europa – dichiara il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini – cittadini e turisti potranno godere della bellezza del nostro patrimonio in una notte che unisce idealmente nel nome della cultura oltre trenta paesi europei”.

Percorsi illuminati, visite guidate, laboratori per famiglie e bambini, concerti, spettacoli, suoni e visioni accompagneranno i visitatori nella scoperta sotto un’altra luce di siti noti e meno noti: dagli Scavi di Pompei al tuffo in notturna al Parco Sommerso di Baia, dove un biologo marino accompagnerà in immersione i visitatori per ammirare per la prima volta i mosaici rinvenuti sott’acqua, da Castel Sant’Angelo a Roma alla Necropoli della Banditaccia a Cerveteri con l’apertura straordinaria dei Grandi Tumuli, dalla Galleria degli Uffizi all’Opificio delle Pietre Dure con un percorso attraverso il mosaico fiorentino, dalla Galleria dell’Accademia di Venezia al Notturno nel Salone del Tiepolo a Villa Pisani a Stra.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»