Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Hanno combattuto l’Isis, 4 curdi feriti al “Ramazzini” di Modena

MODENA - Ad alcuni mesi di distanza dall’approvazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

curdi_siria

MODENA – Ad alcuni mesi di distanza dall’approvazione all’unanimità da parte del Consiglio comunale di Carpi di un ordine del giorno sul tema, nel pomeriggio di oggi sono giunti all’ospedale Ramazzini (grazie alla disponibilità della Croce rossa italiana e dell’Azienda Usl di Modena) quattro combattenti curdi feriti, due uomini e due donne, e che saranno curati nel nosocomio cittadino.

La decisione di accogliere i combattenti curdi fu presa nella seduta del Consiglio comunale del 27 ottobre scorso, quando venne approvato all’unanimità un ordine del giorno (sottoscritto da Forza Italia, Pd, Carpi Futura e FdI-An, come era stato sollecitato da Sel) che impegnava il sindaco e la Giunta comunale ad “adoperarsi con iniziative per accogliere e curare per un significativo lasso di tempo all’ospedale Ramazzini alcuni combattenti curdi, in particolare donne, assumendo così una coraggiosa decisione politico-umanitaria che sia un segnale di non rassegnazione agli eventi siriani e alla paura ma di un attivismo concreto, dal basso, che sia di sprone anche per altre realtà: invitando al contempo a coinvolgere nell’iniziativa l’Azienda Usl, le istituzioni e le organizzazioni umanitarie internazionali disponibili”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»