Toscana. Mugnai contro Rossi: “Illude i malati di epatite C”

FIRENZE - "In superfregola elettorale il governatore uscente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

epatite CFIRENZE – “In superfregola elettorale il governatore uscente Enrico Rossi ha voluto fare la smargiassata di promettere a tutti i malati di epatite C il farmaco risolutivo gratis. Ieri, il giorno della delibera, abbiamo taciuto perchè non è nostro costume strumentalizzare la salute dei malati. Ci ha pensato l’Agenzia del farmaco, però, e non possiamo oggi non sottolineare come parta da lì la bocciatura del provvedimento di Rossi tacciato di illudere i malati con una delibera che non avrà fattibilità”. L’attacco parte dal candidato di Forza Italia alla presidenza della Regione Toscana Stefano Mugnai, che rida’ fiato alla posizione assunta ieri da Aifa in merito alla delibera sulla cura dell’epatite C varata da Rossi a nemmeno due settimane dal voto.

“Aifa non l’ha mandata a dire- ricorda Mugnai- e ha sollevato dubbi di legittimità sulla delibera di Rossi con cui stanzia 60 milioni per i prossimi tre anni per distribuire gratuitamente il farmaco contro l’epatite C a tutti i malati che in Toscana sono 26.224. Secondo Aifa non ci sono le coperture, e si stanno illudendo i malati. E’ gravissimo“. Finora, con le 25 proposte per la Toscana con cui Rossi ci delizia quotidianamente, avevamo eccepito sulla modalita’ clientelare di certe dichiarazioni con cui si danno soldi a questa o quell’altra realtà. E qui che dobbiamo dire? C’è da vergognarsi a promettere cure sapendo a monte che non le si potranno garantire”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»