Bologna, Isabella Conti scioglie le riserve: “Correrò alle primarie”

La prima cittadina di San Lazzaro conferma la sua candidatura a sindaco di Bologna, ma prima la sfida con Matteo Lepore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Andrea Sangermano e Mirko Billi

BOLOGNA – Isabella Conti conferma: si candida alle primarie del centrosinistra di Bologna. La sindaca renziana di San Lazzaro di Savena lo ha ufficializzato questo pomeriggio in diretta Facebook.

“Ho dedicato a San Lazzaro tutta la mia vita amministrativa. Tutto quello che potevo fare l’ho fatto, con tutta me stessa”. Così Isabella Conti, davanti alle scuole Aldini Valeriani, tira le somme sulla sua esperienza nel Comune dell’hinterland durante la diretta Facebook sulla sua candidatura alle comunali bolognesi. Conti ha esordito citando i suoi progetti, dai nidi gratis all’emporio solidale: “Progetti che sono già finanziati e programmati in un bilancio pluriennale che arriva fino al 2023. Di più non si può fare”.

Un passo avanti può essere fatto a livello di Comune di Bologna e Città metropolitana: “Hanno un potere enorme di cambiare la vita di tutti”, sottolinea Conti sottolineando che la Città metropolitana ha competenza sull’edilizia scolastica di tutte le scuole superiori.

“IL MIO PROGETTO È TRASVERSALE E INDIPENDENTE”

Il centrosinistra “è la mia casa e la mia storia”. Con questa convinzione Isabella Conti, sindaca renziana di San Lazzaro di Savena, ha deciso di correre alle primarie del centrosinistra a Bologna. E lo farà con un “progetto politico trasversale e indipendente, senza bandiere e senza simboli, come è trasversale e indipendente un sindaco che si trova in ogni momento a decidere per la vita dei propri cittadini”.

“VOGLIO CAMPAGNA GENTILE, SERVE CAPITOLO NUOVO”

“Voglio fare una campagna gentile– ha detto Isabella Conti-. Voglio usare parole gentili, come ho sempre fatto, è la mia cifra. Vorrei che la politica si confrontasse sui temi e si mettesse tutto il centrosinistra insieme a lavorare ad una proposta per la città. Avremo sfumature diverse, ma il cuore dei nostri valori sta lì e io credo sia fondamentale creare una connessione emotiva, sentimentale con la nostra gente, con la città”.

“Vorrei- prosegue l’esponente di Italia viva- che provassimo a scrivere un capitolo nuovo, vorrei che tornassimo terra di pionieri, che ci impegnassimo insieme per far tornare Bologna quella terra che irradia la sua luce, a cui l’Europa guarda, non che guarda l’Europa. Lo faccio mettendo a disposizione tutta me stessa e anche facendo un atto di coraggio perché come diceva il mio adorato nonno partigiano. Con la paura non si va da nessuna parte”.

“PREOCCUPATA PER BOLOGNA, STA PERDENDO PEZZI”

“Sono preoccupata per questa meravigliosa città” sottolinea Isabella Conti. Una preoccupazione che affiora “quando un imprenditore mi dice di aver trovare un partner che alla fine però ha scelto di andare a Milano, quando i nostri ragazzi dopo l’Università sono costretti ad andare all’estero”. Tutto il mondo, evidenzia la sindaca di San Lazzaro, “guardava Bologna come sperimentazione ma oggi abbiamo pezzi che cominciamo a perdere. Nella post pandemia abbiamo il dovere di rilanciare e costruire”.

Conti, che ha scelto come location le Aldini perché a suo tempo frequentate dal padre, rievoca i suoi ricordi di studentessa. “Sono una ragazza di provincia, quando venivo al liceo a Bologna e passavo il Savena il mio cuore batteva più forte perché Bologna erta una calamita, l’eldorado”. Ora quell’immagine è un po’ sbiadita e l’esponente di Italia viva ha tutta l’intenzione di rispolverarla: “Penso ad una città che nutre i propri cittadini di opportunità di riscatto di bellezza e innovazione”, dice.

2.300 PERSONE HANNO SEGUITO LA DIRETTA SU FACEBOOK

L’annuncio social di Isabella Conti sulla candidatura alle primarie di centrosinistra a Bologna, durato poco meno di mezz’ora, è stato seguito in diretta anche da oltre 2.300 persone contemporaneamente. L’attuale prima cittadina di San Lazzaro ha parlato da un prato davanti alle scuole Aldini Valeriani.

LEGGI ANCHE: Bologna, sindaco laico e in bicicletta: a #mandaloaDiRE presidente Aics e librai della Confraternita

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»