Ancona, al via protocollo per la gestione dei rifiuti in plastica dispersi in mare

PLASTICA-MARE
La proposta è arrivata alla giunta regionale dall’assessore all’Ambiente Stefano Aguzzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Su proposta dell’assessore all’Ambiente Stefano Aguzzi la giunta regionale ha deliberato un protocollo d’intesa finalizzato alla valorizzazione materica di plastica raccolta in mare nel corso delle attività di pesca.

Il protocollo– ha sottolineato Aguzzi- promuove una corretta politica di salvaguardia dell’ambiente marino, sviluppando un sistema integrato per la gestione dei rifiuti accidentalmente dispersi in mare: l’intento è acquisire esperienze e conoscenze utili a definire un adeguato modello gestionale per la loro intercettazione, raccolta, conferimento e recupero. Attraverso la realizzazione di questo progetto sperimentale dedicato ai rifiuti della plastica, s’intende costruire una realistica base conoscitiva circa le tipologie e le quantità effettive dei rifiuti in questione, nonché le criticità connesse alla loro gestione e le reali possibilità di recupero di materia attraverso processi industriali su ampia scala”.

Il protocollo è stato condiviso dai sottoscrittori: Regione Marche, Istituto per le risorse biologiche e biotecnologie marine – CNR IRBiM, Comune di Ancona, Capitaneria di Porto di Ancona, Autorità di sistema portuale del mare adriatico centrale, Associazione produttori pesca Ancona, Garbage service, Garbage Ancona, Centro assistenza ecologica e Nexus.

Il progetto, sostenuto finanziariamente Regione come iniziativa di innovazione aziendale a favore dell’economia circolare, prevede un percorso completo per i rifiuti plastici recuperati in mare dalle imbarcazioni da pesca, mediante il loro conferimento in porto, passando poi ad una loro quantificazione, caratterizzazione e trasformazione in materia prima seconda, fino alla loro re-introduzione nel ciclo produttivo. L’attività di coordinamento operativo viene svolta dal CNR IRBiM attraverso un gruppo di lavoro composto da rappresentanti dei partners firmatari.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»