Ordinanza per ridurre gli spostamenti in cinque Comuni marchigiani

controlli-dpcm_coronavirus-scaled
Il presidente della Regione Acquaroli chiarisce che non si interverrà sulle attività economiche, ma solo sulle possibilità di muoversi nelle zone con più alta diffusione del virus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Ordinanza per limitare gli spostamenti in arrivo in cinque Comuni marchigiani. “Verrà emessa un’ordinanza in cinque Comuni che oggi sono sotto stretta osservazione– dice il presidente della Regione, Francesco Acquaroli, a margine di una conferenza stampa ad Ancona-. Non è un’ordinanza che toccherà le attività economiche, ma che limiterà la possibilità di spostamento nelle zone che denotano una circolazione del virus diffusa. Non si tratta di Comuni grandi ma di medie dimensioni. In questa fase dobbiamo essere cauti e vigili. Dobbiamo continuare l’azione di monitoraggio per isolare possibili focolai. Quando ci sono dei dati su alcune zone che attestano una difficoltà interveniamo per cercare di mettere delle misure di mitigazione”.

L’obiettivo dell’amministrazione è quello di ridurre al massimo la possibilità di assembramento e dunque la circolazione del virus. “Laddove in una città si superano i 250 casi ogni 100mila abitanti preferiamo intervenire in maniera forte in via preventiva- conclude Acquaroli- piuttosto che vedere chiusure più lunghe su territori più ampi dopo”.

LEGGI ANCHE: Vaccino, Acquaroli: “Nelle Marche terminata la somministrazione agli over 80”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»