Vaccini, l’annuncio di Pfizer: “Altre 100 milioni di dosi per l’Ue nel 2021”

vaccino_pfizer
La multinazionale farmaceutica consegnerà un totale di 600 milioni di vaccini all'Unione europea entro fine anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Pfizer ha annunciato l’arrivo di altre 100 milioni di dosi per i 27 Stati membri dell’Unione europea nel corso del 2021. Il nuovo quantitativo, ha spiegato in un comunicato stampa la multinazionale farmaceutica, porterà a un totale di 600 milioni di vaccini contro il coronavirus prodotti dal binomio Pfizer-BioNTech. Ciò renderà quello con l’Ue “il più grande accordo del mondo”, come ha dichiarato il direttore commerciale di BioNTech, Sean Marett.

LEGGI ANCHE: Marino (Pfizer): “Dai 12 ai 15 anni vaccino efficace al 100%, presto sottomissione in Ema”

L’acquisto delle dosi aggiuntive è stato ordinato dalla Commissione europea grazie all’Accordo avanzato per gli acquisti (Advanced Purchase Agreement) firmato il 17 febbraio 2021. “Serviranno ad aiutare ulteriormente l’accelerazione della campagna vaccinale nell’Unione”, ha sottolineato Marett, “con il vaccino Pfizer che arriverà a coprire due terzi della popolazione europea”. Nel frattempo, sono già state avviate le trattative per il 2022, con i vertici Ue che hanno deciso di puntare sui vaccini a mRna (Pfizer e Moderna).

LEGGI ANCHE: Astrazeneca, Johnson & Johnson, Pfizer e Moderna: vaccini a confronto

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»