Cultura, Franceschini: “La crescita di Matera durerà negli anni”

dario franceschini
"È una bella storia per il Mezzogiorno, esempio di come si può rendere attrattivo il patrimonio culturale in tutta Italia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “La crescita di Matera come Capitale europea della cultura 2019 durerà negli anni. L’immagine oggi di Matera è di una grande città turistica in Europa e nel mondo”.
Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, intervenendo da remoto alla presentazione on line dell’attività di monitoraggio e valutazione condotta dalla Fondazione Matera Basilicata 2019 sui risultati di Matera Capitale europea della cultura 2019.

“Matera – ha aggiunto il ministro – è anche una bella storia per il Mezzogiorno, esempio di come si può rendere attrattivo il patrimonio culturale in tutta Italia. Matera è diventato un modello, dimostrando che non è più questione di dimensione ma di progetto, come per Procida, Capitale italiana della cultura 2022”.

SINDACO MATERA: “OGGI SI COGLIE EREDITÀ E SI PENSA AL FUTURO

“Sono sindaco da soli due mesi e ho vissuto da cittadino il grande traguardo che la città ha raggiunto grazie alla Fondazione e a tutti gli interlocutori, dagli enti locali ai cittadini e alla città. Oggi si coglie l’eredità e si pensa al futuro“. Così il primo cittadino di Matera, Domenico Bennardi, intervenendo alla presentazione dei risultati di Matera capitale europea della cultura 2019 in un incontro on line sul sito del ministero della Cultura.

“Sicuramente ci aspettano tante sfide – ha aggiunto – al titolo dobbiamo affiancare una serie di cose. Oltre a riconoscimento che di fatto la pandemia ci ha sospeso, spero si possa lavorare con enti locali e governo nazionale per fare in modo che Matera non sia solo esempio da emulare, dotando la città delle infrastrutture necessarie”. Per il sindaco la città dei Sassi vive un paradosso: “Da qui – ha detto – non possiamo arrivare a bellissime località della nostra tessa regione, come Craco, Valsinni, il volo dell’angelo e su questo bisogna lavorare”. Altro obiettivo è “incrementare il mondo accademico, fare di Matera cittadella universitaria, fortificando i corsi universitari presenti con sue peculiarità”.

Bennardi avanza poi l’ipotesi di avvalersi di una nuova fondazione oltre a quella esistente: “Mi auguro che la Fondazione abbia una prosecuzione – ha precisato – ma poiché c’è tanto da fare per l’industria creativa, culturale, per l’innovazione e la gestione dei luoghi culturali, per l’orange economy e la sostenibilità con l’ agenda 2030, probabilmente una Fondazione non basterà”. Per il sindaco Matera può diventare “esempio” solo se “università, mondo accademico, aziende e tecnologia faranno gioco di squadra per creare occupazione. In città – ha concluso Bennardi – non abbiamo un luogo che possa narrare i percorsi cinematografici. Non abbiamo un museo comunale, una biblioteca comunale. Paradossi che dobbiamo cercare di smantellare nel prossimo futuro, creando occasioni attrattive”.

APT BASILICATA: “MATERA VESSILLO DEL MEZZOGIORNO CHE CE LA FA

Matera ha portato al centro dell’Europa il mezzogiorno d’Italia e la Basilicata, valore radicato nell’impegno e nel sapiente utilizzo delle risorse e nella capacità di una comunità che non è solo cittadina, ma di associazioni che venivano da tutta la regione, partecipata dai 131 comuni lucani, che hanno fatto sì che la Basilicata potesse eccellere”. Lo ha detto il presidente dell’Azienda di promozione turistica della Basilicata (Apt), Antonio Nicoletti, intervenendo oggi alla presentazione on line dei risultati di Matera capitale europea della cultura 2019 sul sito del ministero della Cultura.

“Oggi con le sfide che ci vengono dalla pandemia – ha aggiunto – con la necessità di trovare un buon utilizzo delle risorse derivanti dal Recovery Fund e dal Next Generation Eu, Matera si può candidare come luogo ideale per poter sperimentare politiche di innovazione. Lo dico anche a seguito della ricerca di Fondazione etica sulla capacità di Matera di gestire il processo dal punto di vista finanziario e amministrativo. L’auspicio è che Matera possa continuare a essere vessillo di un mezzogiorno che ce la può fare così come ce l’ha fatta Matera”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»