Lozzi: “Confermo la mia candidatura a sindaco di Roma, correrò da sola”

"REvoluzione Civica porterà avanti un programma nato dal basso e volto a rilanciare Roma, renderla più vivibile, più verde, più pulita e più sicura", dice l'ex M5S
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Sono qui a raccogliere una sfida importante. Una promessa fatta prima di tutto ai cittadini e alle cittadine di Roma che ormai da troppo tempo aspettano una svolta, un cambio di passo e un nuovo modo di lavorare per Roma e per noi tutti. Proprio per questi motivi confermo la mia candidatura a sindaco di Roma, con un programma dettagliato partito dai territori e contestualmente voglio annunciare che REvoluzione Civica da oggi è presente in tutti i Municipi di Roma, dal centro alla periferia, con propri candidati e gruppi di attivisti che rappresenteranno questo nostro progetto in tutta la città”. Così Monica Lozzi, presidente del Municipio VII e candidata sindaco alle prossime elezioni amministrative di Roma con ‘REvoluzione Civica’.

LEGGI ANCHE: Monica Lozzi esce dal M5S: “Delusa dal partito”

“REvoluzione Civica, a differenza di altri, è una lista civica pura che non ha bisogno dell’appoggio dei partiti, per questo motivo correrà da sola portando avanti un programma nato dal basso e volto a rilanciare Roma, renderla più vivibile, più verde, più pulita e più sicura. Perché Roma merita di più!“, conclude Lozzi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»