L’Etna erutta, colata lavica dal nuovo cratere Sud-Est

Il vento lo ha spinto la nube eruttiva verso i settori orientali del vulcano: fra gli abitati di Zafferana Etnea e Linguaglossa, si sono verificate leggeri ricadute di cenere fina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nella mattinata del 19 aprile 2020, al Nuovo Cratere di Sud-Est dell’Etna e’ avvenuto un episodio di attivita’ stromboliana e modeste fontane di lava, accompagnate da emissione di cenere. L’attivita’- fa sapere l’Ingv dell’Etna– e’ iniziata intorno alle ore 9:15 locali, e ha generato un pennacchio di vapore e cenere che si e’ alzato fino a 5 km sopra il livello del mare.
Il vento lo ha spinto la nube eruttiva verso i settori orientali del vulcano: fra gli abitati di Zafferana Etnea (versante sud-orientale) e Linguaglossa (versante nord-orientale), si sono verificate leggeri ricadute di cenere fina. L’attivita’ ha interessato una o due bocche nell’area del ‘cono della sella’, che si era formato nella primavera del 2017. Non si e’ osservata emissione di colate di lava.

Alle ore 13:00, l’attivita’ del Nuovo Cratere di Sud-Est era sostanzialmente conclusa, mentre ora continua, senza variazioni significative, l’attivita’ stromboliana ed effusiva al cratere Voragine, che e’ in corso dal 12 settembre 2019. L’Osservatorio Etneo dell’INGV ha monitorato l’attivita’ anche mediante sopralluoghi sul terreno eseguendo dei campionamenti dei prodotti eruttati per essere analizzati in laboratorio. In questo periodo di emergenza COVID-19, l’Ingv garantisce la piena operativita’ delle sue Sale di monitoraggio sismico, vulcanico e allerta maremoto di Roma, Napoli e Catania e della reperibilita’ dei gruppi di emergenza, in assoluta sicurezza per tutti coloro che vi operano.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»