Tg Psicologia, edizione del 19 marzo 2021

In questa edizione del Tg Psicologia si parla di: sport e riabilitazione, autismo e consumo di farmaci ansiolitici nelle Regione del Centro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MENCACCI (SINPF): IN UN ANNO PANDEMIA LOGORATI E INSOFFERENTI

Dal primo lockdown ad oggi, con l’entrata in vigore di nuove e rigide restrizioni, “non siamo più gli stessi. Nel frattempo ci siamo logorati, svuotati, sfiancati e siamo in questa condizione di esaurimento che si somma a una progressiva crescita di insofferenza e non rispetto delle regole”. A delineare il quadro psicologico degli italiani è Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di neuropsicofarmacologia (Sinpf). Sul tema vaccini, da psichiatra Mencacci vede una vera e propria “dissociazione. Alle morti per il Covid- constata in conclusione- ci siamo assuefatti”.

COVID, LINGIARDI (SAPIENZA): SACRIFICI DURI SOPRATTUTTO PER GIOVANI, MA NECESSARI

“Nella formazione delle persone fare i conti con la realtà, anche quando questa è frustrante, può essere un’occasione di crescita”. Lo pensa Vittorio Lingiardi, professore ordinario di Psicologia dinamica presso Sapienza Università di Roma, analizzando la condizione degli adolescenti italiani che sono tornati totalmente in didattica a distanza e stanno rivivendo le restrizioni legate alle misure di prevenzione del contagio da Covid-19.

SPORT E RIABILITAZIONE PSICHIATRICA, ECCO LINEE GUIDA SPHERE

Un documento in 19 punti con l’obiettivo di fornire ai professionisti della salute mentale e dello sport una guida pratica per progettare, implementare e valutare opportunità di sport e attività fisica per le persone con problemi di salute mentale. Sono le linee guida elaborate dal Comitato scientifico internazionale di ‘Sphere’, il progetto biennale dedicato a sport e riabilitazione psichiatrica cofinanziato dal Programma Erasmus + dell’Unione Europea.

AUTISMO, IDO: BIMBI TUTTI DIVERSI MA DIFFICOLTÀ PRIMARIA E AFFETTIVO-CORPOREA

“I bambini che presentano una sintomatologia autistica più severa hanno una difficoltà maggiore nella gestione del corpo, nell’organizzazione spaziale e attentiva del gioco, quindi l’accesso all’area simbolica, nei comportamenti motori a partire dall’imitazione e nella comunicazione”. Lo spiega Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie IdO, che presenta i risultati di uno studio IdO sui profili psicomotori di 61 bambini inseriti nel progetto Tartaruga. La ricerca ha messo in correlazione i loro quadri psicomotori con la gravità della sintomatologia autistica e il livello intellettivo. In tutti l’area problematica primaria è quella affettivo-corporea. Questa riflessione aprirà sabato 20 marzo la seconda lezione del corso ‘Autismo, progetto riabilitativo Tartaruga-DERBBI’, realizzato con la Fondazione MITE e il patrocinio Sip, che si focalizzerà sulle linee evolutive e i predittori.

AIFA: +12% CONSUMO FARMACI ANSIOLITICI IN REGIONI DEL CENTRO

Nel 2020 si è registrato un aumento di farmaci ansiolitici (+12%) soprattutto nelle regioni del centro, Marche (+68%) e Umbria (+73%). In generale la cosiddetta fase 2 dell’epidemia ha visto aumentare l’acquisto di ansiolitici in misura maggiore rispetto all’incremento già osservato durante la prima fase”. L’Aifa lo fa sapere nel monitoraggio dell’uso dei farmaci durante l’epidemia Covid-19 e il rilascio dell’analisi per regione e l’aggiornamento comprensivo dei primi due mesi del 2021.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»