Letta: “Il futuro della Dad? Sarà un mix tra 2019 e 2020”

enrico letta
Il segretario del Pd è convinto che tornare al pre-pandemia sarebbe un errore, perché- spiega- "La didattica a distanza ci permette di ridurre le disuguaglianze"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il futuro per quel che riguarda la didattica non sarà un ritorno al 2019, quanto piuttosto un mix 19-20. Voler tornare al pre-pandemia e al pre-Dad sarebbe un errore“. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta nel corso del suo intervento a Fiera Didacta Italia. Secondo Letta “è assolutamente auspicabile tornare in presenza il prima possibile“, tuttavia, “è necessario prendere il poco di positivo che la didattica a distanza ci sta lasciando soprattutto sul fronte della riduzione delle disuguaglianze”.

Il neo segretario dem quindi porta il suo esempio personale: “Prima di assumere l’attuale incarico- ha spiegato- gestivo un master a Parigi seguito da studenti di tutti i Paesi. Grazie alla modalità a distanza era possibile raggiungerli anche tramite le lezioni registrate”. La Dad, aggiunge l’ex premier, “permetterà anche alle università periferiche di raggiungere quei professori che si muovono solo per parlare nei grandi atenei“. Di contro, “la didattica a distanza è destinata ad aumentare la forbice tra chi è un ottimo studente e chi fatica”.

LEGGI ANCHE: Mattarella: “Dal Papa un forte richiamo allo spirito di fraternità”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»