Berta Cáceres, la ‘luchadora social’

Berta Caceres_
Co-fondatrice e direttrice del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell'Honduras (Copinh) uccisa nella sua casa a La Esperanza nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016 per le sue lotte in prima linea contro la costruzione della centrale idroelettrica di Agua Zarca
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono passati cinque anni dalla morte di Berta Cáceres, leader del popolo lenca, co-fondatrice e direttrice del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras (Copinh) uccisa nella sua casa a La Esperanza nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016 per le sue lotte in prima linea contro la costruzione della centrale idroelettrica di Agua Zarca, la cui costruzione sul Rio Gualcarque era stata affidata alla Desa. L’impegno speso in difesa della terra e dei diritti del popolo lenca le valse nel 2015 il Global Environmental Prize, ma il riconoscimento internazionale non la protesse dall’attentato, per cui dal dicembre 2019 sono alla sbarra sette persone e nessun mandante. Sulle tracce di chi ha ideato l’uccisione della ‘luchadora social’ la giornalista Nina Lakhani, che nel libro ‘Chi ha ucciso Berta Cáceres?’ – recentemente pubblicato in Italia dalla casa editrice indipendente Capovolte – ricostruisce anche le indagini e il processo, che in questo mese vedrà imputato il dirigente Desa David Castillo.

LEGGI ANCHE: Berta Cáceres, a 5 anni dalla morte un libro sulle tracce dei mandanti

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»