Coronavirus, Villani (Sip): “Solo 300 bambini contagiati e nessun decesso, non è un problema pediatrico”

Lo dice Alberto Villani, presidente della Societa' italiana di pediatria, in conferenza sul coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Anche per quanto riguarda la casistica italiana dei casi di contagio da coronavirus tra i bambini “viene confermato cio’ che internazionalmente gia’ sapevamo, ovvero che non esistono fatalita’ tra i bambini, ne’ casi gravi. E questo penso debba rasserenare moltissimo genitori e nonni”. Cosi’ il presidente della Societa’ italiana di pediatria, Alberto Villani, durante la conferenza stampa alla Protezione civile.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altri 4.480 contagiati e 427 morti: salgono a 3.405 i decessi

“Anche nella gestione dei bambini in questo momento particolare- aggiunge- genitori e nonni devono sapere che non e’ un problema pediatrico fortunatamente. Quindi, quando e se un bambino presenta dei sintomi, soprattutto se non sono particolarmente importanti, occorre sentire sempre il pediatra e con lui stabilire il da farsi. Ma il criterio per preoccuparsi resta quello prima del coronavirus: ossia se un bambino ha dei problemi importanti allora meritera’ attenzione e andra’ portato in ospedale. Il coronavirus per il momento non rappresenta un problema per i bambini“.

La conferma arriva dai dati dei contagi: “Sono 300 i bambini in Italia positivi al coronavirus, ma non esistono fatalita’ o casi gravi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»