Coronavirus, Grafica veneta lancia le mascherine ‘made in Veneto’

Si tratta di schermi protettivi realizzati in tessuto non tessuto: li sta producendo un'azienda dopo essersi riconvertita
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

VENEZIA – Grafica Veneta, azienda di Trebaseleghe, provincia di Padova, è ora in grado di produrre mascherine protettive. Lo annunciano ieri il governatore del Veneto Luca Zaia e il presidente dell’azienda Fabio Franceschi, che ha tra l’altro deciso di donare due milioni di dispositivi alla Regione Veneto, che ora li distribuirà ai cittadini tramite la Protezione civile.

Le mascherine, che in realtà sono definiti schermi protettivi, sono realizzate in tessuto non tessuto, spiega Franceschi che nell’ultima settimana ha lavorato “giorno e notte” per convertire una linea di produzione, producendo oltre 500.000 prove di mascherine prima di arrivare alla soluzione scelta.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Zaia: “Test a tutta la popolazione risolverebbe il problema”

“Oggi siamo pronti a consegnare 800.000 mascherine”, continua Franceschi, e “siamo in grado di produrne tra le 500.000 e le 700.000 al giorno”, ma “entro una decina di giorni pensiamo di arrivare a 1,5 milioni di pezzi al giorno”. Che saranno probabilmente sufficenti per il Veneto, ma “il nostro obiettivo è arrivare a produrne tre o quattro milioni al giorno, in modo che il problema della mancanza di mascherine in Italia non esista più”.

I contatti con la Protezione civile nazionale sono già iniziati, “ce ne chiedono un milione al giorno” anticipa Franceschi. Ma non finisce qui, perché “stiamo lavorando con il ministero e nel giro di una settimana crediamo si possa arrivare a dichiararla mascherina chirurgica di primo livello”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il Veneto limita il trasporto pubblico: “Solo corse essenziali”

Il fatto che dispositivi di questo tipo siano disponibili consentirà poi ai cittadini di proteggersi ogni giorno senza dover utilizzare mascherine Ffp2 e Ffp3, che rimarranno così disponibili per il personale sanitario, che ha bisogno di un altro livello di protezione. Il prezzo deve ancora essere definito e dipende più che altro dal tessuto, mentre le difficoltà maggiori derivano dai numerosi tagli da effettuare mantenendo delle condizioni igieniche adeguate.

I dispositivi saranno distribuiti dalla “Protezione civile” in pacchi da 10 “fuori dagli ospedali, dai supermercati”, in modo che “ci sia un minimo di penetrazione nel territorio”, aggiunge Zaia, spiegando che il marchio di Grafica Veneta stampato sulle mascherine è stato voluto da lui, per rendere onore a Franceschi, capace di fare “innovazione di prodotto e di processo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»