Coronavirus, Conte: “Il blocco totale andrà avanti”

Le parole del premier: "È chiaro che i provvedimenti che abbiamo preso, sia per molte attività chiuse sia per le scuole, non potranno che essere prorogati alla scadenza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Abbiamo evitato il collasso del sistema, le misure restrittive stanno funzionando, ed è ovvio che quando raggiungeremo il picco e il contagio comincerà a decrescere, almeno in percentuale, speriamo fra qualche giorno, non potremo tornare subito alla vita di prima. Al momento non è ragionevole dire di più, ma e’ chiaro che i provvedimenti che abbiamo preso, sia quello che ha chiuso molto delle attività aziendali e individuali del Paese, sia quello che riguarda la scuola, non potranno che essere prorogati alla scadenza”. Cosi’ il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in una intervista al Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuova stretta in Emilia-Romagna: parchi chiusi e stop ‘passeggio’ (anche in bici)

“Bisogna usare il buonsenso- aggiunge- e agire tutti con la massima consapevolezza, le sanzioni penali per chi trasgredisce ci sono e verranno applicate in modo severo e sono d’accordo con quei sindaci che hanno chiuso anche le ville e i parchi: una cosa è fare attività sportiva, un’altra è trasformare i luoghi pubblici in punti di assembramento, cosa inammissibile”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Spadafora: “Verso divieto assoluto di attività all’aperto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

19 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»