Migranti, nave Mare Jonio sequestrata e scortata nel porto di Lampedusa. Spunta l’ipotesi del complotto

Salvini: "Questo presunto salvataggio di questa nave gestita dai centri sociali era organizzato da giorni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Guardia di Finanza sta procedendo al sequestro della nave Mare Jonio, e per questo motivo la sta scortando nel porto di Lampedusa. Nelle prossime ore potrebbero scattare gli interrogatori dell’equipaggio. Lo si apprende da fonti del Viminale.

LEGGI ANCHE: LEGGI | Ecco la direttiva Salvini: “Nave che soccorre lede la sicurezza dello Stato”. Opposizioni insorgono

MIGRANTI. DI MAIO: HA DISOBBEDITO A LIBIA, SEQUESTRARE NAVE JONIO

“Io spero che il prima possibile possano eseguire un sequestro su questa nave perché questa nave ha disobbedito alla Guardia costiera libica e ha messo a rischio la vita di 49 persone attraversando il mare fino a Lampedusa. Se le navi delle ong non rispettano le regole bisogna fermarle perché mettono anche a rischio la vita dei migranti”. Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio, ospite di Pomeriggio cinque.

“Spero in una soluzione nelle prossime ore- aggiunge- io sono in contatto con Conte e Salvini, va risolta subito”.

MIGRANTI. SALVINI: SE NON C’E’ SEQUESTRO MARE JONIO NON SBARCA NESSUNO

“Se non c’e’ un sequestro del mezzo non sbarca nessuno”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini a Radio Radio a proposito del caso di Mare Jonio.

DICIOTTI. SALVINI: COINCIDENZA CON NAVE JONIO? TUTTO ORGANIZZATO DA GIORNI

Lei crede alla coincidenza tra il caso di Nave Jonio e il voto sulla Diciotti?

“Io credevo a Babbo Natale fino a che avevo 8 anni. Poi con rammarico un mio compagno di classe, un po’ infame, mi ha detto ‘guarda che nell’armadio trovi i regali che ti portano mamma e papa”. Mi e’ crollato il mondo addosso. Ma da allora ho smesso di credere in Babbo Natale”, risponde con ironia Matteo Salvini a Radio Radio.

E aggiunge: “Questo presunto salvataggio di questa nave gestita dai centri sociali era organizzato da giorni”.

MIGRANTI. SALVINI: É TRAFFICO ESSERI UMANI, CASARINI PLURIPREGIUDICATO

“Il ministro non si basa su impressioni: oggi ho incontrato il capo delle capitanerie di porto, il capo della guardia di finanza, il capo della polizia e quelli dei servizi segreti esterni. E’ certo che questa imbarcazione non ha soccorso naufraghi che stavano affogando ma si sia inserita in un traffico di esseri umani organizzato, concordato e programmato. Confido che nelle prossime arrivi dall’autorita’ giudiziaria quello che consegue”. Cosi’ il ministro dell’interno Matteo Salvini a Radio Radio.

“In questo caso sono stati commessi evidentemente dei reati. Poi io non faccio il procuratore, non mi sostituisco”, aggiunge il ministro che spiega: “Il primo reato commesso e’ di avere ignorato due volte l’ordine di bloccare le macchine della guardia di finanza. Questi se ne sono fregati anche degli ordini della guardia costiera libica. Sono passati davanti a Malta senza dire nulla, ci sono tracce evidenti di contatti con altri soggetti. Quello che parla e’ l’esponente dei centri sociali. Un pluripregiudicato”.

 
 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»