Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, in arrivo il percorso unitario dei Fori: dai Mercati di Traiano al Circo Massimo

Il percorso sarà a pagamento, con un biglietto unico che verrà messo a punto insieme al Parco archeologico del Colosseo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo lavorando con il Mibac da un po’ di tempo per rendere la fruizione del complesso dei Fori unitaria sistematicamente, non solo le domeniche gratuite. Questo progetto vogliamo sia esteso dai Mercati di Traiano al Circo Massimo in modo progressivo”. Lo ha annunciato il vicesindaco di Roma con delega alla Crescita culturale, Luca Bergamo, che oggi nel corso di una conferenza stampa con la sindaca Virginia Raggi ha presentato la nuova sovrintendente di Roma Capitale, Maria Vittoria Marini Clarelli

Leggi anche: Colosseo, dal primo novembre aumenta il costo del biglietto: da 12 a 16 euro

“È un lavoro che sarà presentato insieme al Ministero dei Beni culturali che è stato motore dell’iniziativa”, ha aggiunto Bergamo, che a margine ha specificato che il percorso sarà a pagamento, con un biglietto unico che verrà messo a punto insieme al Parco archeologico del Colosseo e che comprenderà la visita dei Mercati di Traiano, dei Fori sia la parte comunale, dunque Fori imperiali, che la parte statale, dunque Foro romano, il Palatino e il Circo Massimo. 

Il nuovo percorso di unificazione dei Fori è uno degli “impegni” anche per Marini Clarelli. “I cittadini si aspettano l’abbattimento del muro di cristallo tra la parte statale e quella comunale dell’area archeologica centrale- ha detto- Ci sono dei dettagli da mettere a punto, ma questo obiettivo nell’arco di pochi mesi potremo raggiungerlo. L’ipotesi è l’estensione fino al Circo Massimo per la nostra parte, mentre per la parco archeologica del Colosseo si pensa a una integrazione progressiva del Palatino”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»