Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Radio Radicale, Bernaudo: “Vero servizio pubblico, giù le mani”

Il leader di Sos Partita Iva interviene sul taglio di 5 milioni di euro previsto dal governo sul rinnovo della convenzione a Radio Radicale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Radio Radicale, non a caso, è stata la prima emittente ad intervistarmi per il lavoro di Sos partita Iva. E se c’è una delle poche voci di spesa pubblica ben utilizzate e che costituisce un vero affare per lo Stato è la convenzione di circa 10 milioni con Radio Radicale, e invece stai a vedere che proprio lì il ‘governo del cambiamento’ vuole andare a tagliare”. Così Andrea Bernaudo, presidente di Sos partita Iva, interviene sul taglio di 5 milioni di euro previsto dal governo sul rinnovo della convenzione a Radio Radicale nell’ambito dei tagli all’editoria.

“Radio Radicale è da sempre lo strumento gratuito ed essenziale per tutti gli appassionati di politica, giornalisti, addetti ai lavori e per tutti coloro che vogliono farsi una propria idea sull’attualità in Italia, senza mediazioni e non solo politica, ma anche giudiziaria, del mondo dell’associazionismo. Questa maggioranza vuole forse colpire lo strumento indispensabile per conoscere la storia di questo paese, ma anche la politica europea ed internazionale, perchè?- si domanda Bernaudo- È forse questo il problema di bilancio che abbiamo, oppure c’è il chiaro intento di far chiudere l’unico vero servizio pubblico d’informazione presente in Italia? Si son lasciate inalterate migliaia di società partecipate dalle regioni e dai comuni – completamente inutili o inefficienti, in rosso e clientelari – si continua a non tagliare, anzi ad aumentate la spesa pubblica corrente ed improduttiva e si vuole far chiudere proprio Radio Radicale, patrimonio inestimabile di cultura ed informazione, per un costo che rappresenta meno di un granello di sabbia per il bilancio dello Stato?”.

“Il nostro appello- conclude Bernaudo- va al governo e alla maggioranza affinché ci ripensi, ma anche a tutte le forze politiche democratiche, perchè Radio Radicale deve continuare a trasmettere e a esistere”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»