Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Raggi dichiara guerra agli ambulanti: “Via dai monumenti”

"Non tutti gli ambulanti sono abusivi, ma dobbiamo ripristinare il decoro e la corretta definizione degli spazi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stiamo lavorando affinché nei siti monumentali e archeologici si possa mettere la parola fine alla presenza degli ambulanti, perché la loro presenza non consente la perfetta godibilità dei monumenti. È necessario che il Tavolo del decoro prenda atto di questi luoghi in cui queste attività non possono stare”. Lo ha detto il sindaco di Roma, Virginia Raggi, durante la conferenza stampa di presentazione della nuova sovrintendente di Roma Capitale, Maria Vittoria Marini Clarelli. 

“A Roma gli ambulanti sono oltre 11mila– ha aggiunto Raggi- Si tratta di licenze date negli anni e che dunque operano nella legalità. Ma questo ha fatto sì che nel corso del tempo si sviluppasse questo fenomeno sia nelle aree in cui il tessuto commerciale è ricco, sia all’interno delle aree del patrimonio artistico, culturale e monumentale. Ci sono due azioni diverse che l’amministrazione porta avanti. Per tutti gli ambulanti nelle aree monumentali e archeologiche il Tavolo interistituzionale del decoro si occupa di queste localizzazioni, mentre la parte degli ambulanti su strade commerciali è di competenza dei Municipi che individuano le aree e in accordo con gli ambulanti trovano le alternative come accade per via Tuscolana, Tiburtina e via Ugo Ojetti”.

Si tratta di “un lavoro molto delicato- ha detto ancora Raggi- perché vuol dire maneggiare licenze che danno alle persone il diritto di esercitare. Non tutti gli ambulanti sono abusivi, ma dobbiamo ripristinare il decoro e la corretta definizione degli spazi. È un lavoro di cesello che si sta portando avanti con molta determinazione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»