Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La festa del papà in giro per il mondo, quando e dove si festeggia

In Italia si celebra il 19 marzo, in Russia il 23 febbraio mentre in molti Paesi cade la terza domenica di giugno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il 19 marzo in Italia si celebra la festa del papà. E’ questa una delle ricorrenze più importanti legate alla famiglia, durante la quale grandi e piccini omaggiano il proprio padre con dolci e regali. La data scelta è quella in cui si celebra San Giuseppe, padre affettuoso e amorevole, protettore, oltre che dei falegnami, anche degli orfani e le giovani nubili. Anche il dolce tipico che si prepara o si acquista durante questa festività, la zeppola di San Giuseppe, è legato alla storia del Santo: secondo una leggenda Giuseppe in fuga verso l’Egitto con Maria e Gesù per poter sostenere la propria famiglia fu costretto a vendere frittelle.

La festa del papà viene celebrata però il 19 marzo solo in alcuni paesi del mondo di tradizione cattolica (come ad esempio Spagna, Italia, Portogallo, Bolivia e Honduras). E proprio in questi paesi oggi sarà visibile il colorato omaggio realizzato da Google per onorare questa ricorrenza: un doodle raffigurante 6 impronte colorate di manine che rappresentano 6 dinosauri.

La festa del papà nel mondo

Viaggiando in giro per il mondo si scopre che la festa del papà ha origini differenti in ogni Paese e cade in diversi periodi dell’anno. In molti Stati, soprattutto di origine anglosassone, viene celebrata la terza domenica di giugno, mentre in Russia ad esempio ricorre il 23 febbraio, il giorno dei difensori della patria. Anche in Danimarca è l’aspetto civico ad avere la meglio ed è così che la data scelta per la festa del papà è stata quella del Giorno della Costituzione.

Curioso invece il caso della Germania  dove non c’è una data precisa per onorare i papà: il giorno prescelto coincide con quello dell’Ascensione, ossia quaranta giorni dopo la Pasqua. Il nome della ricorrenza è Männertag o Herrentag, il cosiddetto “giorno degli uomini”. In questa giornata è usanza per i padri andare in giro su Bollerwagen, carri pieni di cibo e bevande, gozzovigliando per le strade delle loro città.

 

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»